Incisi

Congiuntivi-te,

Intanto che aspetto Lella che e’ andata a far danni in quel di nonsodove, mi butto sui congiuntivi usati nei miei scritti togolani.. ani per gli amici o anche togolesi idem 4 lettere finale sempre per gli amici, dove detti congiuntivi litigano (accento sulla seconda i e non sulla a di ano) con verbi non indicati sul quattrogatti, duetopi e trecani (aggiungete la c)..detto questo, mi sovviene la storia di quel bimbo novenne ferrarese che va’ matto per i congiuntivi e con compagni scolastici che non lo cagano e che lo isolano dal gruppo riempiendo la lavagna di scritte contro di lui specialmente dopo che e’ passato alla cronaca l’anno passato per aver inventato “la parola” che ha suscitato interesse ai miei colleghi della crusca che sono sempre alla ricerca di neologismi ..a parermio stanno perdendo i colpi facendo attestati veramente fuori luogo ed e’ la classica minzionata fuori dal vaso..a parte la parola nuova indicata nel jpg di cui sopra io vedo anche il “pisellabile”.. ma dai e non capisco perche’ io debba esser redarguito se nei miei post trovano parole tipo “vulvivendola” e pensare che e’ semplice seguire il discorso mio se parlo di persona che lavora nei “chiavisteri” .. (riferito al Foscatz Marainesco).

Bah.. non devo stemare sul post odierno, pensando a sto povero ragazzino non posso fare a meno di egoindignare come non mai chi ama i congiuntivi e non la congiuntivite dovuta allo sputo che indirizzerei nell’occhio di chi lo mette in quarantena..ena ena..

Quanto imbarazzo, quanta vergogna scusate se non ho messo la virgola prima (le ho messe tutte in fondo al post e voi ficcatele dove volete o riterrete opportuno).

Quale futuro potra’ mai avere un bimbo che e’ affascinato dalle parole, ne chiede il significato e poi le usa a proposito inserendole nel posto giusto e non come faccio io e del resto tutto cio’ per la serie, fate cio’ che dico io e non quello che faccio sempre io.. azz.. se per disgrazia il problema dovesse protrarsi fino all’eta’ adulta (eta’ a cui io non ebbi ancora arrivato mentalmente), gli sarebbero precluse moltissime attivita’, a cominciare da quella politica senza fare riferimenti al Tonino che abita a due passi da me nel periodo estivo.

Avrebbe serie difficolta’ anche in televisione, nei giornali o nello scendere il cane per pisciarlo.

Il congiuntivo non e’ solo la brutta malattia degli occhi sopraccitata, ma un modo sbagliato di affrontare la vita.

Se incominci a parlare bene, poi desideri pensare bene e magari – orrore – agire bene. Funziona cosi’, purtroppo.

Per fortuna i compagni del piccolo mostro stanno cercando di riportarlo sulla retta via con un sistema quasi infallibile.. la legge del branco, che tutto conforma e appiattisce al livello piu’ basso e rassicurante.

Pare pero’ che il diavoletto cocciuto testadibiip persista nell’errore.

Di questo passo imparera’ a memoria i primi dodici articoli della Costituzione e allora per rieducarlo non basteranno piu’ nemmeno i compagni… bisognera’ chiamare direttamente il famoso Trota quello della laurea presa coi Pavesini di marca Slava o peggio ancora il suo venerando padre anagrafico, quello che non molla e che ce l’ha sempre duro (l’orecchio) dal dito medio perennemente in resta.

Lella arrivata e quindi fine del post e faccio il mio dovere, pongo le posate sul tavolame, scivolando sul galateo della convivialita’ e non metto la forchetta a sinistra ma alla destra assieme al coltello sopra il tovagliolo.. cosi’ e’ se vi pare e se qualcuna (nn faccio nomi) riesce capire quanto scritto sopra e’ pregata di spiegarmelo..le interpunzioni mettetele voi (,,,,,,;;;;:::::…..)

lascio spazio allo Ste che sul Red Carpet col consiglio del Dr. Feltri il grande Victor vedrebbe bene un ritorno del Vitali con Giovannona Coscialunga


Il mio Condom..inio.

Mi sovviene un detto che non c’e’ essere piu’ infelice di un misantropo che vive in un condominio, Voi che vivete nella vostra villetta di campagna e che vi considerati sfortunati causa rapine, dovreste vivere per qualche tempo in area condominiale per capire quanto culo avete ad es. nell’evitare le riunioni Condominiali e lotta per il caldo invernale teleriscaldato con relativi contabilizzatori di calore intermosifonizzati e mo’ vi illustro che succede nei conclavi, forte dal fatto che pure il mondo e’ un condominio tra malvagita’ e pazzia, la prima regna e la seconda comanda.

Schopenhauer docit e mo’ vi educo (accento sulla U).

Da che mondo e’ mondo si e’ sempre andati avanti cosi’ tra leggi regolate dal Codice Civile articoli dal 1117 e 1139 piu’ aggiunte di leggi speciali piu’ or meno inventate all’uopo da biscari disfattisti.

In queste riunioni vige la fratellanza ..

A quelli del piano terra non interessa una mazza se l’ascensore e’ rotto, tanto loro vanno a piedi.

A quelli del settimo piano invece non frega un cazzo dei bidoni della differenziata sotto le finestre, tanto la puzza non arriva sino al tetto.

A quelli dei piani centrali che tengono i termosifoni freddi forti dal fatto che sono gli altri pistola a riscaldarli e farli godere dei furti di calore.

Ecco fatto, e poi ipocritamente parliamo di solidarieta’ sociale.

Ma se non siamo neanche in grado di occuparci del nostro dirimpettaio cosa vuoi che ce ne fotta di uno che tira le cuoia nel terzo mondo o sulla barchetta nel tentativo di raggiungere lo pseudo albergo 5 stelle italico.

Non stemo e torno a ste assemblee di condom..inio.

Ad onor del falso, io le adoravo, piuttosto mi perdevo la traviata al Regio ma il summit condominiale non me lo lasciavo scappare.. sino al giorno in cui mi sono scassato veramente e sono svicolato tutto a mancina lasciando le capre addormentate a raccontarsi frignacce invalidanti l’operato di chi metteva tempo e rottura di marronisterio per il bene comunitario.

A ste riunioni e’ come assistere ad una seduta di psicanalisi collettiva dove ciascuno tira fuori il peggio di se’, il mister Hyde che alberga nelle sue mutande anziche’ nella zona dove mette la coppola .

Una prerogativa e’ che tutti arrivano gia’ incazzati.

Uno odia l’altro a prescindere.

E tutti assieme odiano l’amministratore ..il ladro per antonomasia detto alla schiena ma col sorriso quando si e’ di fronte.

Il nostro e’ come un vescovo senza mitria, dato che e’ obbligato ad ascoltare le confessioni di tutti. Fa’ sempre di si con la testa e poi ti da’ la benedizione, che consiste in un Ok e vai in pace.

Tutto rimane come prima, il confessando si e’ sfogato e sempre sia lodato.

Le tipologie di inquilino invece sono svariate.

C’e’ il sordido e non faccio nomi perche’ non merita citazioni anche se negative.

C’e’ l’inquilino stronzino in maglioncino Zalando di finto terital, brachette rosso granata anche se parteggia Juve e scarpe Hogan sneakers cipria in pelle color tortora o cacca di neonato con pedalino abbinato ed e’ quello che viene alle riunioni con il preciso intento di istigare il dubbio che i conti siano manomessi.

Il classico disonesto che dubita degli onesti sotto l’insegna della serie del chi e’ in sospetto e’ in difetto esso passa le ore a smanettare con la sua calcolatrice da fustino paghi due prendi quattro con davanti la copia della Stampa cronaca dei cittadini incazzati.. come se le vite fossero fatte di millesimi…il bello e’ che il pirla ultimamente viene con la moglie..la pirla e nella corsa all’idiozia sono come i classici due piloti scuderia Ferrari dove il primo tira la volata ma al momento giusto si fa’ da parte e fa’ vincere l’altro che quanto a cretinaggine e’ sempre sul podio degli scassacazzi.

Poi c’e’ il furioso, il clone di Sgarbi ma col cimurro e niente dialettica.

Schiuma rabbia dall’inizio alla fine, ma avendo una vocina da coro delle voci bianche non da’ consistenza alle sue teorie che analizzando bene non sono da buttare..peccato per quella vocina. Una volta o l’altra gli partira’ la mitralica e vai la’ che vai bene.

Ed infine ci sta’ il signor menesbatto i coglioni che non viene alle assemblee e fa’ come cazzo gli pare e a tuttoggi sono entrato nella categoria e non si sta male forte del fatto o del detto che se te lo pongono nel di dietro e’ meglio non muoversi per non aggiungere godimento allo spintore. Rimangono le giulivissime oche come la signora di sopra quella che ti suona perche’ le sono cascate le mutandine stese e si sono infilate tra la vetrata e il balcone e tu rischi la vita per riprenderle, per lei tutto va bene.. ma si rifacciamo la facciata, tinteggiamo le scale, lucidiamo i pianerottoli, restauriamo le finestre, applichiamo termovalvole e contabilizzatori di calore, togliamo tende e copritermo modificando l’aspetto dell’appartamento, mettiamo il cappotto termico, asfaltiamo il cortile e rifacciamo i marciapiedi.

L’importante e’ non chiedersi mai quanto costa.

Si arriva cosi’ alle varie ed eventuali parlando del colore della buca delle lettere, delle gabbie dei polli contenitori di monnezza differenziata e dei fiori finti dell’androne, del cane che irriga le colonne d’ingresso e abbaia in continuazione quando e’ lasciato solo.

Quello si che e’ importante, una goduria stratosferica svegliarsi al mattino non al canto del gallo ma al latrato lamentoso del vecchio cagnino.

E a proposito delle eventuali…a questo punto, meta’ dei condomini si e’ gia’ eclissata in quanto ad un certo orario tutto passa in secondo piano e la vita continua con i finti saluti del volemose bene.

The show must go on.


e adesso a noi Fabo e RIP

Error

errore

Ad un certo punto, mentre cammini,
ecco lo incontri, forse ti aspettava,
ti si avvicina, inizia a parlare,
non sembra un tipo pericoloso,
facciamo pure un po’ di strada con lui.

Poi, d’improvviso ti dice chi e’.
Lui e’ cio’ che non si dice, cio’ che non si fa,
cio’ che non si deve nemmeno pensare.
Lui e’ l’errore, e insieme a lui
E’arrivata la vita.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

9a

Il perche’ del NO.

screenshot-56

Indipendentemente dalla ics fatta sul NO per la votazione forse non vi ricordate come sono fatto vero?
Bene allora ve lo ripeto il mio NO e ci sta’ pure una canzone di Shakira.
No se puede vivir con tanto veneno,
La esperanza che me dio tu amor
No me la dio mas nadie,
Te lo juro, no miento,
No se puede dedicar el alma
a acumular intentos
pesa mas la rabia que el cemento.
Io sono nato cosi’ con questa genetica predisposizione al NO.
Non so’ perche’ ma al consenso preferisco il dissenso.
Il NO mi piace. anche il gesto che lo accompagna.
Scuotere la testa di qua e di la’, soprattutto quando esco dall’acqua di Casalbrodetto col polipo attaccato al braccio, mi da’ tanta soddisfazione e mi fa’ godere australmente come un selvaggio.
E poi mi piace pronunciarlo, il NO. Perche’ li’ in mezzo, tra le pieghe di quella sillaba natale opps..era nasale, ci sta’ dentro un sacco di roba e ti riempie la bocca.
Il rifiuto per esempio.

Il nossignore.

Il levatelo dalla testa.

Che non e’ mica roba da buttare via perche’ il rifiuto e’ sempre differenziato.
C’e’ NO e NO, insomma.

E la maggior parte del NO e’ riciclabile.

Da una raccolta paziente di rifiuti possono nascere nuove cose.

Insoliti modi di pensare, per esempio.

Strade diverse da percorrere.

Persone nuove da conoscere, capire, amare.
Il NO e’ anche dissenso.

Pensiero difforme.

Che spesso si fa’ conflitto.

Ma anche dibattito costruttivo, almeno cosi’ la penso io e mi basta poi voi pensatela come volete.. chissenefutte, non mi scalfirete piu’ di tanto.
Mi fanno paura le coppie che non litigano mai.

Bisticciare, credetemi, e’ sano senza venire alle mani naturalmente, usando forse il coltello, ma NO..

Sono convinto che alzando la voce e caricando i toni si crei dell’energia propulsiva che fa’ andare avanti la coppia. e poi vuoi mettere il piacere di fare la pace?

Chi non litiga non sa’ cosa si perde.

C’e’ anche il NO purissimo della disobbedienza.

Quello bello dei bambini che dicono NO per puro spirito di contraddizione.

Poi ci sono i NO che ti vengono fuori perche’ sei incazzato…

Guarda, oggi ti dico di NO perche’ c’e’ vento e sono con le palle in giostra.

Ma se me lo chiedi domani puo’ essere che ti dica di si’. Soprattutto se c’e’ il sole….
E anche i NO della sincerita’. Quelli che si usano per dire le cose come stanno…Vengo anch’io?… NO tu NO. ..Vengo anch’io?.. NO tu NO… E perche’?.. Perche’ NO.

Perche’ mi stai sul culo, guarda, non ti reggo, preferisco dirti le cose come stanno invece di fingere benevolenza. Vacci con chi cazzo vuoi a vedere le bestie feroci. Non con me, io mi basto.
E’ che il NO da’ liberta’ e rifiuti le prediche.

renzi

Non si puo’ morire dentro, aspettare di diventare tutti verdi come Hulk fino a farsi scoppiare i bottoni della camicia.
Con il NO, poi, iniziano fatti importanti dopo le dimissioni.

Il NOnostante, per esempio che ti fa tirare avanti e chiudere un occhio.

Il NOumeno, che e’ l’essenza delle cose.

Il NOcciolato con l’olio di palma che leva le malinconie e fa crescere i brufoli e la pancia.

La NOvita’ che da’ gusto alla vita.

Il NO profit che da’ senza pretendere.

Il NOn ti scordar di me della nostalgia.

Il NOn essere dell’essere.

Finita cosi’ con un bel NO al sessanta per cento di maggioranza.

Punto. Stop e palla al centro.
Ora sapete che faccio? Do’ retta alla stirpe del mio cognome e mi autocombustioNO alla faccia del contabilizzatore termovalvoloso.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

9a

Black December.

black-december

I vari Black Friday,Cyber Mondey se ne sono andati ma ci rimangono le feste Natalizie, ovvero il classico Black December e con queste pure le preoccupazioni delle pre-feste e quindi saro’ ripetitivo con i miei consigli forti di quattro anni piu 14 lustri e son sempre quelli di barricarvi in casa per evitare la follia prenatalizia.

Ma siamo realistici.. non si puo’.

Azz.. teoricamente dovreste stabilire con amici e parenti di non fare regali a nessun over 10 vi pare?

Solo che poi ad attenervi alla consegna, di fronte ai regali altrui vi sentireste meschini come merde stantie.

Vi imponete di evitare le cene d’auguri?

Ringraziate se non ne avrete due di fila e una di cotone.

Percio’, non mi resta che consigliarvi come affrontare l’inevitabile.

Allora..

Cominciamo con le Cene.

Tre i drammi:

1. rimbambimento da locale sovraffollato;

2. indigestioni;

3. chili di troppo.

I rimedi potrebbero essere:

1. bere un bicchierozzo di Corvo di Salaparuta corretto grappa prima di uscire.. rende piu’ sopportabili le urla dei pargoli e le partite di tombola coi pirillini inter parentisterio.

2. pranzare a patate bollite col contorno di patate cotte sottocenere.

3. fare sport come per prepararsi alle Olimpiadi… oltre a dimagrire, alla cena arriverete in un’ovatta di dolce sopore che vi aiutera’ a superare il dramma N°1.

Passiamo allo Shopping.

Due i problemi fondamentali:

1. scelta dei regali.

2. sopravvivenza nella calca di acquirenti.

La soluzione per la prima e’ quella di dimenticare l’esistenza del Regalo Perfetto.

Per trovarlo avreste dovuto mettervi all’opera ad agosto, quindi comprate qualunque cosa carina vi risparmi una lunga ricerca e se questo vi facesse sentire in colpa, pensate ai regali di Natale che avete ricevuto voi.. quanti vi hanno sbalordito per bruttezza?

Quanti (confessate) ne avete riciclati o messi in cantina?

Suvvia considerate i vari fattori o fattrici…

Atmosfera. Luminarie, festoni, neve finta, canzoncine, pubblicita’ di profumi e pandori e gli agghiaccianti Babbi Natale appesi ai balconi.. ce n’e’ abbastanza perche’ anche l’adulto piu’ bonario nutra, almeno a momenti, un odio acuminato per il Natale.

Che fare quando, se si incontrasse il Babbo Natale vero, lo si strozzerebbe con goduria infinita dopo averlo violentato.

C’e’ chi si iscrive a un gruppo su Facebook e opera uno strangolamento virtuale.

C’e’ chi emigra in luoghi esotici e denatalizzati.

C’e’ chi, diffidando del mondo virtuale e non potendosi permettere i luoghi esotici, si rassegna.. dicendo.. coraggio che dura poco.

E poi dai..il pandoro in fondo e’ buono.

E ai bambini il Natale piace – e ciascuno di noi conosce almeno un bambino a cui brillano gli occhi davanti ai pacchetti sotto l’albero addobbato..

non e’ poi cosi’ male, guardarlo e sapere che la sua

felicita’ dipende anche dal regalo che ci e’ costato tanto sforzo comprargli…

ma ripeto, la festa deve essere sino ai 10 oltre diventa un mercato e un festival del consumismo e sinceramente potremmo davvero farne a meno..forza che il meglio e’ passati…dai ancora 32 giorni e poi sara’ un ricordo e un altro Natale se ne sara’ ito.

Il mio regalo per voi cybernauti e’ lo studio rimorchiatore che Stefano ha fatto in prima persona sul web

1

2

3

4

5

6

7

8

9

9a

Black Friday.

venerdi-nero

Americanizziamoci e non facciamoci mancar nulla e venerdi’ prossimo sara’ il Black Friday o venerdi’ nero tradotto in nostrano e quel che non potremo fare sara’ il giorno del ringraziamento ma troveremo il modo di festeggiare anche noi il Thanksgiving e per ora noi cybernauti festeggeremo il CyberMonday..insomma un modo come un altro per iniziare lo scannamento del portafoglio natalizio.

Quindi mettiamo in ordine queste ricorrenze al 66,6 % periodico anche nostre..

Thanksgiving Day che e’ il quarto giovedi’ di Novembre (da noi i tacchini saranno salvi)

Black Friday che e’ il venerdi’ dopo il Thanksgiving.

Cyber Monday che e’ il lunedi’ successivo al Black Friday.

La mia curiosita’ e’ di capire perche’ lo chiamano nero sto venerdi’ ed ho letto che e’ per l’incasinamento del traffico automobilistico e pedonale di gente che corre nei negozi per comprare oggetti superscontati ma se facciamo due calcoli coi commercianti che di questi tempi viaggiano in rosso con la pecunia..vendendo un poco di mercanzia che stava ammuffendo passano momentaneamente in nero e cosi’ potranno sovvenzionare Equitalia che di equo ha abbastanza poco e tra non molto cambiera’ nome per la serie cambiano i suonatori ma la suonata sara’ sempre la stessa.

Buon 25 Novembre duemilaesedici e che l’euro sia con voi.

ps..mi sono alzato presto non per fare il post ma per beccare su Amazon prodotti scontati ma sono sfigato.. vedo sconti del 30% reali anche su macchine tipo la coreana Kia Soul offerta a meno di 19.000 euro con pacchetto manutenzione di 24 mesi, 30.000 km in omaggio e con opzionali tipo cambio automatico a doppia frizione, vernice bycolor, Suv Pack estetico (e che e’?), navigatore satellitare, radio touchscreen, climatizzatore automatico bizona e bla bla bla e pure una serie di cene da Toto’ e Peppino di Caselle..ma non vedo offerte buone su computer anche se paragonate ai negozi siamo ad un meno 20% per fare es un desktop HP 20.co11nl all-in display da 19,5 indici processure Apu_Amd quad-core Ram da 6GB HDD da 1 TB a 380 eurini..

naaaaa torno a nanna e domani anzi oggi faro’ un ordine alla farmacia Benok con sconti medi del 35% alla faccia del Bisciari che non scala manco un cents..harpagon..quand il y a a’ manger pour huit, il y en a bien pour dix.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

9a

Energy Saver Pro.

malwarebytes-anti-malware

Buttando l’occhio sui social di Lella vedo che ritorna di moda il solito pseudoelettricista Alessio Monti che spiega a tutto il mondo come fare ad abbassare i costi della bolletta elettrica (le percentuali sono in media del 75 pecciento).. la soffiata e’ la solita che alla fine della fiera come dritta e’ quella di acquistare un apparecchietto il cui nome e prezzo (sceso da 150€ iniziali a 45€ superscontati in occasione della festa delle vulvivendole di viale zara) sono cambiati negli anni (da Topweb Offers all’ultimo brand Energy Saver Pro ) ma la castigata e’ sempre la stessa.

L’evoluzione della presentazione che prima era piazzata in ICQ, C6, Messenger ora e’ su dove la massa si e’ spostata ovvero in Facebook, Twitter, Instagram, Viber,Wechat,Linkedin,Telegram etc etc..il bello e’ che l’Antitrust e’ gia’ intervenuta diverse volte stabilendo l’inutilita’ del pezzo di plastica e ficcando le relative sanzioni che lasciano il tempo che trovano.

Inoltre la societa’ si e’ cuccata multe per diffusione di informazioni non veritiere in merito ai contenuti e/o alle modalita’ di esercizio di diritti contrattuali.

Insomma, oltre al danno di un pezzo inutile, la beffa di un rimborso che non arrivera’ mai anche se sulla scatoletta vi dicono che a norma di legge l’apparecchietto e’ garantito due anni con relativo risarcimento in caso di malfunzionamento.

Quindi occhio alle castigate Restate scettici, restate diffidenti.

Per chi non avesse letto i precedenti post in merito al Monti Alessio di cui sopra, vi faccio un copia incolla ctrl+c e ctrl+v e occhio che continuando ovviamente la lettura .. sara’ delle serie a vostro rischio e pericolo…

Capita di imbattersi in nomi gia’ noti tra le segnalazioni che ci arrivano ogni giorno. Non e’ la prima volta che segnalate l’apparecchietto che vi salva dalle bollette elettriche, un bieco trucco acchiappasoldi indirizzato a chi ha semplici esigenze di risparmio. Di norma ci limitiamo a rimandarvi alla vecchia sbufalata, ma all’epoca Maicolengel non aveva raccontato tutto.

L’esca attiraclick segue infatti lo stesso iter.. una persona qualunque, al quale presto dovrete appioppargli la santita’ per esigenze di copione, ha deciso di rendere pubblico un incredibile segreto su una piattaforma altrettanto qualunque (blog, messenger, multiply, a voi la scelta). Questo “segreto” viene proposto come la soluzione definitiva a problemi piuttosto comuni, oppure la risposta ad alcune esigenze. Si tratta di uno stratagemma gia’ analizzato a suo tempo… con la sola differenza che, questa volta, non abbiamo la MILF stangona e sorridente a rivelarci il formidabile trucco.

L’autore si presenta come Alessio Monti, di professione elettricista… fin dalle prime righe ci tiene a sottolineare di essere uno come tanti e di averle provate tutte. Ma proprio tutte. Perfino il celeberrimo “trucco dell’elettricista alpino”.

Non lo conoscete? E dai, che lo avete fatto almeno una volta in qualunque situazione.. quando tutto va a rotoli, ricorrete alle “grappette” da servire al contatore testardo, cantandogli “Bevilo, bevilo, bevilo tutto d’un fia’ ghe denter la genziana ca la fa ben ”.

Dicono che in vino veritas, in grappa figuriamocis. Non mi credete? E allora sparatevi un bel sgnappino prima di leggere questo formidabile testo del Mario buttailminestrone..

Lavoro da 20 anni come elettricista, e da quanto posso ricordare I prezzi del consumo elettrico non fanno altro che crescere! E si sa che sono gonfiati artificialmente! Per questo a casa mia da sempre maneggio con i contatori, ora ci metto una grappetta, ora una calamita, ora li mando un po` indietro collegando una fase a terra sul tubo dell’acqua, ora gli infilo il rotolo delle negative tra vetro e disco per bloccarlo, ora gli faccio il foro e blocco la rotazione del disco col chiodino, ora avvolgo un filo collegato al neutro e faccio da calamita indotta..ora ora ora

Non ci avete capito ‘na mazza? Tranquilli! Applicate i trucchi citati finche’ non sarete colpiti da una specie di Epifania di nome Lo la.

Ciao, sono Lola Fox. Mi intrometto perche il togoventinuovo e’ leggermente fuori uso. Ha scoperto la camomilla dell’alpino.

Mentre dorme, vi spiego un paio di cose.

La leggenda per la quale sia possibile rallentare i contatori elettrici con una calamita nasce dal fatto che in passato, questo sì, si sono registrati casi in cui qualcuno aveva rallentato i contatori elettrici TRIFASE. Nelle abitazioni civili non c’e’ la trifase a 400 volt, ma la monofase a 230 volt. Per cui, se pensate di architettare qualche truffa sappiate che non funziona. Gli attuali contatori elettronici di ultima generazione hanno al loro interno un rilevatore di campi magnetici che segnala in centrale la presenza di campi magnetici anomali.

Con la lettura da remoto, il vostro gestore puo’ verificare se cio’ che segna il contatore e’ equivalente all’energia reale fornita. Quindi, laddove sussistano grosse discrepanze, verra’ subito fatto un controllo al contatore.

Infine, manomettere il contatore e’ un reato: si chiama TRUFFA e puo’ fare piu’ danni di quello che possiate immaginare. Se ne conclude che cio’ che scrive il nostro famigerato elettricista o appartiene al passato (perche’ ora e’ in carcere) oppure e’ un falso colossale.

Il nostro istigatore a delinquere si dovrebbe si vergognare di cio’ che scrive. Non conosco nessun elettricista che dice “consumo di luce”. Il personale tecnico del settore parla di “consumi energetici”, volgarmente “consumi elettrici”. “Consumi di luce” lo diceva mia nonna che aveva la III elementare e faceva la contadina e casalinga.

Nel presunto post si parla di un “articolo scientifico” nel quale sono spiegati tutti i dettagli. Dov’e’? Ho molta curiosita’ di conoscere come funziona l’Energy Saver Pro, ma non ho trovato nulla di tecnicamente esaustivo… tivo… tivo… tivo…finito con tivo]

… ugh. Odio il mal di capa post-bevuta. Almeno stavolta non mi sono svegliato con un calzino in bocca.

Grazie alla Lola Foxtrott…Dicevamo? Ah, si’.Il testo tradotto alla cazzomannaggia lascia intravedere un espediente abbastanza ricorrente nelle pubblicita’ ingannevoli.. un unico testo tradotto in piu’ lingue per aumentare le possibilita’ di raggiro. Non a caso abbiamo anche una versione russa di tal Anekcen Webuob, con lo stesso testo. Niente “grappetta” pero’. Immagino usino il “metodo del cosacco del din don”.
foto3

Avrete sicuramente presente il modello fornito dalle televendite americane: il prodotto viene presentato come il migliore sul mercato, i cui pregi vengono elencati da un simpatico e affabile “esperto” del settore. A un certo punto, guarda caso, la televendita passa ai commenti di chi l’ha provato: “All’inizio ero un po’ scettico” e “Grazie a questo prodotto” sono due frasi che tentano di avvicinare l’incauto acquirente sfruttando la normale diffidenza, dandogli cosi’ la falsa impressione che le esperienze personali valgano piu’ di mille parole.

Nomi assolutamente comuni, anonimi quanto i discorsi dei partecipanti al Grande Fratello, riferiscono delle loro meravigliose esperienze con Energy Saver Pro. Completa il tutto un riquadro con commenti come fossero stati inseriti tramite un plugin per i commenti social sul blog.

Confrontando la versione italiana con quella russa, i commenti risultano identici… perfino le foto, il numero di like, le parole spese, il template, il nome della piattaforma blog.

foto4

Neppure cliccando sui nomi o sulle foto si viene rimandati ai loro presunti profili. In sintesi, queste persone non esistono. Come non esiste neppure Alessio Monti che puo’ essere il classico zerocode che gira in ferrari testaviola.

Il raggiro e’ quindi dietro l’angolo. Entrambe le versioni rimandano allo stesso sito, di cui esistono piu’ versioni in altrettante lingue. Quella in italiano cavalca l’allarmismo citando presunti “esperti di tutto il mondo”, regolamenti regionali e un “futuro di bollette estremamente alte”.

Secondo gli esperti di tutto il mondo, gli Italiani vedranno salire ancora le cifre da pagare per le loro bollette elettriche quest’anno, dato che il costo dell’elettricita’ sara’ piu’ alto. Il costo derivante da nuovi regolamenti regionali come la tassa sulle emissioni verra’ sostenuto dai consumatori nella forma di imposte più elevate del previsto per i servizi energetici di tutti i tipi, con la conseguenza di dover pagare bollette estremamente alte.

Il succo del prodotto? Stiamo parlando di un semplice aggeggio che, attaccato alla presa di corrente, prometterebbe riduzioni stellari – addirittura del 75%! – sul consumo della corrente elettrica. Uno stratagemma che ricorda il pacco dei tubi Tucker, a firma Mirco Eusebi, oggi agli arresti domiciliari con una condanna per truffa e associazione a delinquere, ridotta a 6 anni e qualche mese per “prescrizione” del reato di truffa. Bella, l’Italia che funziona.

Come potete vedere in questo video, non c’e’ alcun risparmio significativo. Dalla descrizione del video:

[T]he plugs have no significant effect on a home power bill, since the only effect they have is random compensation for any continuous inductive loads in the home like transformers in power supplies. But even then, it’s just a random correction of power factor (relationship of the voltage waveform to the current waveform) and as this is not even monitored by most household meters it won’t have any effect on your bills at all.

La societa’ a cui fa riferimento Energy Saver Pro si chiama Topweb Offers, ma non serve andare troppo lontano per capire dove sta la verita’. Se n’e’ occupato AltroConsumo, il quale spiega ulteriormente come (non) funzioni.

Seguendo le istruzioni riportate sul libretto sono state effettuate due misure di consumo elettrico (con un carico da quasi 2 Kw) con e senza Energy Saver Pro: il consumo si e’ rivelato esattamente lo stesso. Il dispositivo vantava la capacita’ di abbattere del 75% i consumi domestici, allacciandosi a una singola presa elettrica, grazie alla riduzione delle interferenze presenti nella rete di casa. Se anche ci fossero interferenze in una rete domestica, quindi dispersioni di energia, sicuramente queste non andrebbero a incidere in maniera significativa sui consumi, ma, al contrario, potrebbero causare problemi come il malfunzionamento della rete stessa. Percio’, dati alla mano, acquistare questo dispositivo e’ del tutto inutile.

Vabbuo’ riprendo il post in diretta e vedo che siete arrivati sino in fondo. Ripeto che quanto sopra e’ stato ripostato pari pari dopo diversi anni e quindi qualche link non fungera’.

Il solito consiglio e’ quello di andare sui motori di ricerca quando qualche cosa assomiglia alla classica bufala e forse eviterete di buttar eurini dalla finestra.

Spe Salvi Facti Sumus.

Diamoci una mossa.. son dieci giorni e passa che l’influenza broncoscassatrice mi perseguita e datosi che in casa mia ho le mele (anche quelle che io e Franco davamo all’asino) ed e’ risaputo che dove ci sono mele non entra il medico.. devo effettivamente darmi una mossa anche perche’ i miei iperbacilli hanno colpito la Lella che seguendo il mio esempio di certo non chiedera’ l’apporto medicale e.. come faccio con chi mi chiama e chiede come sto..io rispondo che non so se arrivero’ a domani..(del resto voi lo sapete?) NO..e quindi passiamo al post con voce cavernosa bacillisterica e sputacchi di polmone a febbre quasi 36,25.. (per me e’ alta datosi che di base viaggio sui 34,5 con battiti max 42 sottosforzo).
Allora ..dato che sono allegro, pensiamo, per un momento, a quello che si chiama per l’appunto l’ultimo momento, l’ultimo istante prima della morte.
E’ un momento impegnativo e unico, in cui si possono prendere decisioni importanti. Come dice il prete al morituro…Pentiti, figliolo stai per tirare le cuoia sei all’ultimo momento.
Il momento in cui, nella tradizione, si cercano appigli di pentimenti in extremis, e qui si possono ottenere delle risposte varie, dal No secco di Giovanni quando ha rifiutato il segno della bestia, alla bellissima risposta di Voltaire al prete che voleva confessarlo e benedirlo ..No grazie, non e’ il momento di farsi nuovi amici …Tregua per soffiata di polmone con fischio modulato..
Bene, quell’istante e’ davvero apocalittico, proprio nel senso dell’Apocalisse il libro della rivelazione.. insomma di Giovanni (oggi mi sento di predica anche perche’ e’ domenica e tra poco Francesco recitera’ l’Angelus e benedira’ i peccatori del mio stampo che gli ficcano delle vignette da scomunica) ….
Un angelo levo’ la mano destra verso il cielo, e giuro’, per colui che vive nei secoli dei secoli e creo’ il cielo che non ci sara’ piu’ il tempo…. Commenta con tranquilla ironia Kant in.. La fine di tutte le cose…(recuperato nel diciannovesimo paragrafo dell’enciclica Spe Salvi Facti Sumus del Papa Emerito Ratzinger e non inventato da me).
Se non si suppone che quest’angelo abbia voluto gridare qualcosa di assurdo, egli deve aver inteso che d’ora in poi non ci sara’ piu’ alcun mutamento…non e’ male la cosa e’ un bel traguardo anche per la Bernardina.
Quell’istante che non ha un seguito perche’ e’ l’ultimo, resta li’ appunto per un istante (l’istante della nostra morte) e per sempre, per noi.
Per istante inteso come tempo intercorso o juvecorso a seconda del tifisterio, da quando scatta il verde a quando il pistola dietro voi suona il claxson.
Noi ce ne andiamo, e nel nostro andarcene sparisce tutto il nostro mondo compreso i nostri post e malcontato ne ho per quasi 20.000 pag, insomma il mio danno in rete l’ho fatto e del resto a tuttoggi io ho calpestato la terra circa 8.000 gg piu’ di mio padre e sono alla pari col Leonardo il duro della stirpe e quindi non posso lamentarmi piu’ di tanto.
Tuttavia l’ultima immagine, effimera ed eterna, rimane, come in una scatola nera masterizzata sul CD della vita.
Il futuro si ferma, e quell’istante resta li’, per sempre, di fronte a noi, senza muoversi piu’, effimero perche’ oggettivamente e’ solo ed unicamente un istante, si’, ma anche eterno perche’ soggettivamente.. moriamo, e non ci sara’ altro tempo.
Fila il discorso vero?..oggi sono very allegro e godo come un falco..cambiamo argomento dai..quanto costa una cassa da morto?
nb..le strisce seguenti non colpiranno il Francesco ma l’orecchiuta del movimento fivestars e il buon Stefano e’ stato assolto dall’accusa di giullarismo grazie al finto Perry Mason e per capire quanto anzidetto cercate di farvi i gargarismi con la grappa trentina corretta con peperoncino e genziana coltivata in un campo di kreen.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

9a

Al-Sisi.

plane_crash__alfredo_martirena

Questa e’ la storiaaa.di uno di noiiii..vabbuo’ non era riferita all’Adriano nazionale ma allo Stefano che non si fa’ mancare nulla e stavolta gli e’ andata di culo in quanto era sulla rotta aerea giusta ovvero quella di ritorno dal Cairo mentre la rotta di andata da Paris-Egitto nella stessa notte ha avuto l’inconveniente che tutti sapete.

Pensare che la Farnesina (che non e’ quella che lavora sulla tangenziale terzo cartellone pubblicitario a sinistra) ha raccomandato di utilizzare quelle tratte solo per viaggi indispensabili e il buon Stefano avendo vignettato il caso Regeni ha ritenuto opportuna andare sul posto per rendersi conto di persona l’iter dello pseudo viaggiatore un poco sprovveduto.

Dalle prossime vignette capirete le raccomandazioni che vi fanno in dogana che sono quelle di non fare foto a stazioni ferroviarie, metro, mercati, edifici governativi, installazioni militari, musei, donne, bambini, cani… insomma fare foto significa rischiare e rischiare secco e Stefano va a nozze per queste cose e gli e’ andata di culo che ha potuto vignettare nonostante il regime di Al-Sisi ma non ha ancora capito come mai gli egiptevoli possano accettare sto regime arrivato da 5 anni dopo il rovesciamento della trentennale dittatura del Mubarak..boh

1

2

3

4

5

6

7

8

8a

8b

8c

8d

8e

8f

8g

8h

8i

9

9a

9b

11

Questa e’ una mail che ho ricevuto UNDICI volte nel giro di una decina di anni, molti di voi l’avranno ricevuta o comunque avranno letto questo testo da qualche parte e per chi non l’avesse ricevuta cerco di postarla e poi in un secondo tempo tesizzero’ lo smontaggio della credibilita’ di questa leggenda metropolitana basata sugli attentati terroristici dell’undici settembre e sono consapevole del fatto che questa mia sara’ letta anche da parte degli spyder sniffatori per il fatto che contiene vocaboli all’indice in quantita’ di allarme rosso.

La leggenda metropolitana o leggenda urbana consiste solitamente in una storia insolita e curiosa raccontata dalla gente, che acquista credibilita’ passando di mail in mail..

Ecco il testo della mail:

1) New York City ha 11 lettere

2) Afghanistan ha 11 lettere

3) Ramsin Yuseb (il terrorista che minaccio’ di distruggere le Torri gemelle nel 1993) ha 11 lettere.

4) George W Bush ha 11 lettere

5) Le due torri gemelle formano un 11

Questa puo’ essere un pura coincidenza, ma ora si fa piu’ interessante:

1) New York e’ l’11° stato

2) Il primo aereo schiantatosi contro le torri gemelle era il volo n° 11

3) Il volo n° 11 portava 92 passeggeri. 9+2=11

4) Il volo 77, che si schianto’ anche contro le torri, portava 65 passeggeri. 6+5=11

5) La tragedia si verifico’ l’11 settembre, o 9/11 (data americana) come lo si conosce ora.

6) La data e’ uguale al numero dell’emergenza americano 911. 9+1+1=11

Coincidenza? Continuate a leggere e fatevi la vostra idea:

1) Il totale del numero delle vittime negli aerei dirottati era 254. 2+5+4=11

2) L’11 settembre e’ il giorno n° 254 nel calendario dell’anno. 2+5+4=11

Di nuovo…

3) L’attentato di Madrid accadde l’11/03/2004. 1+1+3+2+4=11

4) La tragedia di Madrid accadde 911 giorni dopo quella delle torri gemelle.

Ed e’ qui che le cose si fanno parecchio misteriose:

Il simbolo + riconosciuto per gli USA, dopo le Stelle&Strisce, e’ l’Aquila.

Il versetto seguente e’ preso dal Corano, il Libro Sacro islamico:

“Perche’ e’ scritto che un figlio d’Arabia svegliera’ una terribile Aquila. La collera dell’Aquila si sentira’ attraverso le terre di Allah, mentre alcune persone tremarono disperate ancora piu’ allietate: perche’ la collera dell’Aquila ripuli’ le terre di Allah e ci fu pace.”

Questo e’ il verso n° 9.11 del Corano.

Non siete ancora convinti? Provate questo esercizio da pelo rialzato braccifero…

Aprite Microsoft Word oppure l’OpenOffice

1. Scrivete in maiuscolo Q33 NY.

(E’ il n° del primo volo schiantatosi contro le torri gemelle)

2. Evidenziate il Q33 NY

3. Cambiate la dimensione del carattere in 48.

4. Cambiate l’attuale carattere il WINGDINGS 1.

IL RISULTATO FINALE

aereo2

E voila’ ecco l’aereo che si schianta sulle due torri, la morte e la stella di David.

Vabbuo’, nel prochaine post smontero’ una ad una tutte le coincidenze numeriche sopraindicate e parlando di cose amene sottoposteggio la striscia di Stefano sugli obiettivi politici dei nostri magistrati e nel contempo faccio i doverosi auguri generici a tutte le mamme del mondo

9

1

2

3

4

5

6

7

8

9

9a