Gallerie

SoakSoak

soaksoak
Più di 100.000 blog WordPress sono stati infettati, nelle ultime ore, da un malware di origine russa, battezzato SoakSoak. Google ha gia’ provveduto precauzionalmente a bloccare circa 11.000 domini nel tentativo di limitare i danni.
Sì, perché il codice malevolo caricato dai criminali informatici sui blog WordPress oggetto dell’attacco cerca di provocare il download di malware sui sistemi client degli utenti che si connettono al sito “infetto”.

Su tutte le pagine dei siti WordPress interessati dall’attacco, è stata infatti rilevata la presenza di codice JavaScript offuscato che viene sfruttato per disporre il download automatico di componenti malware.
Aggiornare non solo WordPress ma anche i plugin
I tecnici di Sucuri, azienda da anni attiva nel campo della sicurezza informatica, hanno confermato che l’attacco ha potuto trovare terreno fertile, sui blog WordPress interessati dal problema, grazie alla presenza di una versione vulnerabile del noto plugin RevSlider.

Se avete dei siti realizzati con WordPress, non dovreste limitarvi ad aggiornare il solo CMS ma dovreste controllare anche l’applicazione degli update relativi a tutti i plugin eventualmente installati.
Ciancio alle bande provate qui per controllare se siete infetti mettendo il link del o dei vostri blog.
Quando e se ilSucuri trova pericolosi inserimenti vi chiedera’ se vorrete toglierlo subito e occhio che i pistola vorranno esser pagati e la cifra varia da un centinaio di dollari a 500, voi che siete dei dritti fatti a rampino evitate di spender quattrini e controllate solo qual’e’ il file incriminato e tentate di toglierlo e la cosa non e’ per niente semplice, io mi son fracassato la milza sul sito di Virgilio che e’ passato a WordPress e stavolta si e’ presentata tosta.
Auguri..

Il Pacco o la Busta?

natale 1

Qualche lustro fa postai a Dicembre, di barricarvi in casa per evitare la follia (accento sulla i) prenatalizia. Ma siamo realistici.. non si puo’. Azz.. teoricamente dovreste stabilire con amici e parenti di non fare regali a nessun over 10 vi pare? Solo che poi ad attenervi alla consegna, di fronte ai regali altrui vi sentireste meschini come merde stantie. Vi imponete di evitare le cene d’auguri? Ringraziate se non ne avrete due di fila e una di cotone. Percio’, non mi resta che consigliarVi come affrontare l’inevitabile. Allora..
Cominciamo con le Cene.
Tre i drammi:
1. rimbambimento da locale sovraffollato;
2. indigestioni;
3. chili di troppo.
I rimedi potrebbero essere:
1. bere un bicchierozzo di nebbiolo corretto grappa prima di uscire.. rende piu’ sopportabili le urla dei pargoli e le partite di tombola coi pirillini inter parentisterio.
2. pranzare a patate bollite col contorno di patate cotte sottocenere mangiando soprattutto la parte esterna bruciacchiata.
3. fare sport come per prepararsi alle Olimpiadi… oltre a dimagrire, alla cena arriverete in un’ovatta di dolce sopore che vi aiutera’ a superare il dramma N°1.
Passiamo alle dolenti note dello Shopping.
Due i problemi fondamentali:
1. scelta dei regali.
2. sopravvivenza nella calca di esodati acquirenti.
Le soluzioni possono essere:
1. Dimenticare il Regalo Perfetto. Per trovarlo avreste dovuto mettervi all’opera ad Agosto, quindi comprate qualunque cosa carina che vi risparmi una lunga ricerca. E se questo vi facesse sentire in colpa, pensate ai regali di Natale che avete ricevuto Voi.. quanti vi hanno sbalordito per bruttezza? Quanti (confessate) ne avete riciclati e messa in vendita ai mercatini? Suvvia.
2. Andare per negozi con una persona iperfiga sia maschio che femmina.
al vostro passaggio, si apriranno le acque. Donne e uomini tratterranno il respiro e si faranno da parte, incantati e intimoriti da cotanto splendore. Certo, che le commesse potrebbero perdere la trebisonda e farsi dar retta poi risultera’ complicato. Ma ne vale la pena.
Atmosfera. Luminarie, festoni, neve finta, canzoncine, pubblicita’ di profumi e pandori e gli agghiaccianti Babbi Natale appesi ai balconi che continuano ad esserci confondendosi coi lavoratori che castigano i pluviali di rame.. ce n’e’ abbastanza perche’ anche l’adulto piu’ bonario nutra, almeno a momenti, un odio acuminato per il Natale. Che fare se si incontrasse il Babbo Natale vero? Lo si strozzerebbe con goduria infinita ovviamente. C’e’ chi si iscrive a un gruppo su Facebook e opera uno strangolamento virtuale. C’e’ chi emigra in luoghi esotici e deNatalizzati. E c’e’ chi, diffidando del mondo virtuale e non potendosi permettere i luoghi esotici, si rassegna.. dicendo.. coraggio che dura poco.
E poi dai..il panettone in fondo e’ buono e anche in centro. E ai bambini il Natale piace… ciascuno di noi conosce almeno un bambino a cui brillano gli occhi davanti ai pacchetti sotto l’albero addobbato.. non e’ poi cosi’ male, guardarlo e sapere che la sua felicita’ dipende anche dal regalo che ci e’ costato tanto sforzo comprargli… ma ripeto, la festa deve essere sino ai 10 .. oltre diventa un mercato e un festival del consumismo e sinceramente potremmo davvero farne a meno..dai forza lettorpostiferi ancora una tredicina di giorni e poi sara’ un ricordo e un altro Natale se ne sara’ ito assieme alla vostra tredicesima.

natale2

Mis&Credenti.

Paragoniamoli ad un discorso pseudo fantomatico tra due creature in attesa di natalizzarsi
Due caratteri diversi simili al credente e al diversamente credente:
nascita2
Ehi fratello ma secondo te ci sara’ vita una volta usciti da li?
Ovvio che si, qui siamo in fase di crescita in preparazione di quello che saremo dopo.
Cazzate. Una volta fuori non ci sara’ nessuna vita. E poi come sarebbe quella vita?
Boh non lo so ma sicuramente ci sara’ piu’ luce che qui dentro e staremo piu’ larghi..forse cammineremo con le nostre gambe e mangeremo con la bocca.
Naaaa! Camminare non credo proprio. E poi mangiare dalla bocca? Non farmi ridere dai, questo cordone e’ l’unica via dell’alimentazione … Se passi dall’altra parte ed esci da qui non potrai vivere, questo cordone e’ troppo corto.
Invece io credo che debba esserci qualcosa. E forse sara’ diverso da quello cui siamo abituati ad avere qui.
Pero’ nessuno e’ tornato dall’aldila’, dopo esser uscito. Fuori da qui noi moriremo. E in fin dei conti, la vita non e’ altro che un’angosciante esistenza nel buio che ci porta al nulla.
Beh, io non so esattamente come sara’ una volta fuori, ma sicuramente vedremmo la mamma e lei si prendera’ cura di noi.
Mamma? Tu a nove mesi credi ancora nella mamma? E dove cavolo credi che sia lei ora?

Dove? Tutta in torno a noi. E’ in lei e grazie a lei che viviamo. Senza di lei tutto questo mondo non esisterebbe.

Eppure io non ci credo! Non ho mai visto la mamma, per cui, ovviamente non esiste.
Ok, ma a volte, quando siamo in silenzio, io riesco sentirla e percepisco come accarezza il nostro mondo. Sai? … Io penso che ci sia una vita reale che ci aspetta e che ora stiamo soltanto preparandoci per viverla …
Sara’ che mi chiamo Tommaso ma io mi fido poco o nulla di quello che non vedo…auguri per il 25.

nascita

Decriptate – Warning.

decript
Uso il pronome allocutivo nella prima persona plurale in quanto siete in molti ad esser cascati tra le grinfie dei cryptolockeratori (zona Asti 87 denunce pervenute nei mesi novembre dicembre 2014 )… allora… non riuscite a rientrare in possesso dei vostri file in quanto sti cyberottinculo ve li hanno criptati e vogliono un minimo di 300$ per inviarvi la chiave che consentira’ l’accesso ai files. Analizziamo la faccenda..
Vi hanno colpito col CryptoLocker che e’ uno dei malware piu’ scassaminchia in circolazione.. ergo ho cercato una soluzione in quel delle riviste di hackeraggio e sollucchero godimentoso grazie al lavoro di reverse engineering, FireEye e Fox-IT eccoVi un Tool a gratisse per la decrittazione o decriptazione qualdirsivoglia quindi non perdete tempo in denunce e soprattutto non pagate. Occhio che se anche l’FBI (non il CC del paese) con l’operazione Tovar ha colpito i cyberscassaballe sequestrando i server che distribuivano i ransomware… ci sara’ ancora molta gente come gli Astigiani citati che sara’ colpita come voi grazie al germe cybercriminoso che e’ stato seminato.. qui si parla di una milionata di potenziali castigati o castiganti principalmente tramite phishing o attacchi watering hole.
Prima vi spiego come avete cuccato il virus e poi vi sparo il rimedio neh..
CryptoLocker cripta tutti file con una chiave AES-256 e quest’ultima viene criptata con una chiave pubblica RSA a 2048 bit. Il messaggio che apparira sul desk e’appunto quello della jpg di cui sopra che vi chiede il pagamento del riscatto per ottenere la chiave privata RSA-2048.
Ora plauso ai rimediatori FireEye e Fox-IT che hanno creato il sito web – Decrypt CrytoLocker – che Vi permettera’ di decifrare i file che state vedendo a rettangolini tipo la digitalTV del Lai sesto piano.
Dovrete innanzitutto fornire un indirizzo email e caricare un file criptato che non contiene informazioni confidenziali. Vi verra’ quindi inviata la master key e il link per scaricare il tool Decryptolocker necessario per recuperare il o i file. Il tool richiede l’uso del prompt dei comandi di Windows. E’ possibile decifrare sia un file alla volta che tutti i file in una cartella o tutti i file su disco a secondo della castigata subita accento sulla i.
Non so quando leggerete questo post e quindi nel frattempo possono avvenire evoluzioni e quindi il recupero dei file non e’ garantito al 100%, in quanto il database CryptoLocker potrebbe non contenere la chiave cercata oppure perche’ i file sono stati criptati con una versione piu’ recente del malware ma a questo punto potrete effettuare una ricerca ed aggiornare il master key no? Dai..buona decriptazione o decrittazione qualdirsilegga. Beviamo un sorso di corda ehmm sursum corda e ..ad maiora fijo’.
virus-computer
Approfondisci
Video o Sito

Intervista a Dio.

intervista a Dio

Per farmi perdonare del precedente post ho sognato di fare un’intervista a Dio…
“Ti piacerebbe intervistarmi?”, Dio mi domandò.
“Se hai tempo…”, gli dissi.
Dio sorrise.
“Il mio tempo è eterno. Che cosa vuoi domandarmi?”
“Che sorprese hai per l’umanità?”
E Dio rispose:
“Siete così ansiosi per il futuro, perché vi dimenticate del presente. Vivete la vita senza pensare al presente o al futuro. Vivete la vita come se non dovreste morire mai, e morite come se non aveste mai vissuto…”
“Avete fretta perché i vostri figli crescano, e appena crescono volete che siano di nuovo bambini. Perdete la salute per guadagnare i soldi e poi usate i soldi per recuperare la salute.”
Le mani di Dio presero le mie e per un momento restò in silenzio.
Allora gli domandai: “Padre, che lezione di vita desideri che i tuoi figli imparino?”

Dio rispose con un sorriso:

“Che imparino che non possono pretendere di essere amati da tutti, però ciò che possono fare è lasciarsi amare dagli altri.”
“Imparino che ciò che vale di più non è quello che hanno nella vita, ma che hanno la vita stessa.”
“Imparino che non è buono paragonarsi con gli altri.”
“Imparino che una persona ricca non è quella che ha di più, ma è quella che ha bisogno di meno.”
“Imparino che in alcuni secondi si ferisce profondamente una persona che si ama, e che ci vogliono molti anni per cicatrizzare la ferita.”
“Imparino a perdonare e a praticare il perdono.”
“Imparino che ci sono persone che vi amano profondamente, ma che non sanno come esprimere o mostrare i loro sentimenti.”
“Imparino che due persone possono vedere la stessa cosa in modo differente.”
“Imparino che non si perdona mai abbastanza gli altri, però bisogna sempre imparare a perdonare se stessi.”

“E imparino
che IO sono sempre qui.
SEMPRE”
sempre

Balasso – Poveri Cristi.

presepio vietato

In occasione delle prossime feste dedico l’allegato minifilmato del Natalino Balasso a Luciano Mastrorocco (cognome tipico Bolzanese) nonche’ preside del De Nemicis che ha vietato l’allestimento del Presepio nella sua pseudo scuola per non esser discriminatore nei confronti del 30 % dei suoi allievi musulmani. Pero’ una domanda mi sorge spontanea.. ora con la Befana che fara’ sto preside? La prendera’ a sassate? l’infibulera’?Le buttera’ via il sacco delle caramelle? Vietera’ agli allievi di appendere calze dando tre giorni di sospensione? Luciano presidoso sii coerente e per non esser discriminatorio, al 25 di sto mese rimani nello studisterio a fare presenza e cerca di non passare per Napoli in via San Gregorio Armeno o ti faranno un posteriore da dimenticanza di stitichezza che ti portera’ dritto dritto dal tuo colonproctologo.


Spazio di Wood.

1head_dickkopfig2head_cluelessness3head_Schnapsidee

Il post di oggi e’ dedicato alla persona anglafona in oggetto…

Mentre mi sistemavo sulla sedia del barbiere e ancora una volta cercavo di calmare la paura atavica causata da un uomo con un oggetto affilato nelle mani (non parlo di Willis) e opinioni politiche discutibili, mi preparavo mentalmente. Ero stato cliente di questo barbiere fin dalla comparsa dei miei primi capelli, ma non ero mai stato in grado di rispondere a tono ai suoi commenti taglienti che, proprio come le sue opinioni politiche, non erano diventati meno affilati col passare del tempo. Sapevo che quella volta sarebbe stato particolarmente difficile. Stavo facendo visita alla mia famiglia in Inghilterra dopo essermi trasferito dalla Spagna alla Germania. Ai suoi occhi era come se avessi scambiato un paradiso fatto di sole e di sbevazzate senza fine con la tetraggine teutonica, senza contare l’infame destino di essere circondato dai nostri nemici di vecchia data mentre assistevo alla loro inevitabile, efficiente e schiacciante vittoria sulla nazionale inglese durante i mondiali di calcio.

Allora giovanotto, cosa combini ultimamente?

Insegnare è una professione rispettabile, pensavo. Era un buon modo per cominciare: ero un insegnante di lingue, una persona che si occupa di diffondere il sapere, un intellettuale insomma. Pessima partenza. Per quale cavolo di ragione volevo vivere in Germania? Cosa c’è di sbagliato nell’Inghilterra? Probabilmente era per colpa della mia mancanza di umorismo, insinuò, o del mio amore per il vino di pessima qualità o per i würstel schifosi. No, no, risposi offeso, senza un sorriso, mentre mi spruzzava la faccia con una pioggerellina di roba strana uscita dal vaporizzatore. Volevo imparare la lingua, decifrare il codice, raggruppare parole per formare nomi composti infiniti, e parlare mettendo il verbo alla fine delle frasi così da dimostrare a me stesso che potevo farlo e, naturalmente, perché una certa particolare coniugazione lo richiedeva. Il tedesco è figo, dissi.

Il significato di “figo” è cambiato, se adesso essere goffo è figo.

Non usò la parola “goffo”. Disse che il tedesco sembrava la lotta tra una macchina da scrivere e una lavastoviglie. Ammisi che certi accostamenti senza fine di consonanti potevano suonare come un tranello alle orecchie di un anglofono, ma non era il massacro al quale lui alludeva. Era un gioco. Un gioco di costruzioni senza fine fatto di blocchi e di assonanze onomatopeiche che aspettano solo di essere accostate e mischiate.

Ah, vabbè, se lo dici tu…

Eccome se lo dico! Durante i miei primi mesi mi ero imbattuto in ogni sorta di parole meravigliose che incapsulavano idee che non mi erano mai venute e concetti mai considerati, senza parlare di tutte quelle parole che semplicemente suonavano splendide. Tollpatsching, per esempio, dissi sottolineando il suono -atsch più che potevo. “E cosa vuol dire?”, mi chiese. E fu così che lo invitai a fare un viaggio con me in quelle che erano, almeno in quel momento, le mie parole preferite in tedesco.

1. tollpatschig (agg.) – goffo.

Patsch significa qualcosa come lo “splash!” dei fumetti, il suono di un liquido viscoso che colpisce una superficie dura. Toll invece vuol dire “grande” o anche “fantastico”: per esempio, potrebbe essere il responso sarcastico al fortunatissimo Patsch che un piccione ti lascia cadere sulla spalla mentre attraversi Trafalgar Square. E quindi con la mia limitatissima conoscenza dell’etimologia, tutta a sentimento, io immaginavo tollpatschig come un “fantastico splash” che, alla fin fine, è esattamente l’essenza di una persona goffa. Sebbene i linguisti arricceranno il naso e scapperanno inorriditi, da quando ho fatto questo piccolo calcolo lessicale questa parola mi si è fissata in testa e mi è rimasta nel cuore.

Primogif01_tollpatschig_v1

2. das Kopfkino (nome) – il film nella testa.

Immagino che tu abbia fatto un qualche tipo di apprendistato per diventare barbiere, e che tu abbia sostenuto un colloquio per avere quel posto. Immagino che tu, giovane mascalzone in procinto di muovere i primi passi nel mondo del lavoro, ti sia sentito piuttosto nervoso. Posso anche immaginare che nella tua mente ci fossero un paio di immagini di cose che potevano andare storte durante il colloquio, e che quelle immagini scalfissero la tua naturale temerarietà. Questo è un esempio di Kopfkino: un insieme di pitture animate che predicono con assoluta chiarezza, e spesso senza fondamento, i risultati più sfortunati di una situazione o di un evento importante.
secondogif02_kopfkino_v3

3. die Naschkatze (nome) – il gatto goloso (di dolci).

Ricordo che quando ero piccolo mi davi sempre dei dolcetti dopo che mi avevi tagliato i capelli. Ti ricordi? Dopo averli mangiati scendevo goffamente dalla sedia da barbiere, atterravo con un Patsch sul pavimento di laminato e fissavo con desiderio il restante assortimento di dolcezze che avevi sullo scaffale. Questo succedeva perché da giovane ero un vorace Naschkatze, avendo ereditato la mia passione per i dolci da una lunga dinastia di golosi venuti prima di me.
Terzogif03_naschkatze_v2

4. der Ohrwurm (nome) – il verme nell’orecchio.

Questa parola è così buona e utile che è riuscita a fasi adottare pari pari nell’inglese. Si tratta del motivetto orecchiabile che non riesci a toglierti dalla testa, il verme nell’orecchio appunto. La prossima volta che la conversazione langue e tu ti ritrovi a canticchiare quella canzone che magari nemmeno ti piace però non riesci a scacciarla via, puoi dare la colpa all’Ohrwurm.

Quartogif04_Ohrwurm_new

5. die Schnapsidee (nome) – l’idea-grappino con genziana.

Ad un certo punto della tua vita hai raccolto il coraggio e hai aperto il tuo negozio da barbiere. Probabilmente avevi già un paio di clienti fedeli, ma non eri ancora sicuro di poter raggiungere il successo. Forse l’origine di tutto è stata una Schnapsidee, cioè un’idea eccentrica, un po’ pazza e un po’ geniale, che ti ha preso tutto d’un colpo, magari alimentata – o seguita – da un paio di bicchierini di grappa o altre bevande ad alta gradazione alcolica.

Quintogif05_Schnapsidee_v1

6. dickköpfig (agg.) – con la testa dura (Willis escluso).

La ricetta per il successo, ossia das Erfolgsrezept, potrebbe includere una Schnapsidee e ein bisschen Dickköpfigkeit, che potremmo generosamente tradurre con ostinazione, anche se sarebbe più accurato chiamarla testa dura. Immagino che tu abbia dovuto essere un po’ dickköpfig per riuscire a trasformare il tuo negozio in nella Erfolgsgeschichte, storia di successo, che è oggi.

Sestogif06_dickkopfig

7. die Ahnungslosigkeit (nome) – il non avere la minima idea.

Nessun set di parole tedesche preferite sarebbe completo senza un’avventura verbale multisillaba. La sorella inglese di questa parola è pure lei fatta a blocchi: ha un centro, ossia idea, clue in inglese, Ahnung in tedesco, e la sua assenza è espressa dalla particella -less, o -los, e infine viene trasformata in un sostantivo con -ness o -keit. Niente di speciale insomma. Quello che fanno i tedeschi lo sanno fare anche gli inglesi, giusto? Forse, ma mentre la pronuncia inglese ha trasformato la parola in un mazzetto di consonanti facile da ingoiare (cluelessness), la sua controparte tedesca rimane una sfida per la lingua e per le corde vocali, ed è semplicemente una delizia da pronunciare. Forza, provaci anche tu! Ahnungslosigkeit.

settimogif07_cluelessness_v1

“Ar-nens-lors-ick-kite”, disse.
“Sì”, risposi io, momentaneamente confuso dalla peculiarità del tedesco pronunciato con un pesante accento del Somerset, “quasi la stessa cosa”.
“Eh già, s’impara qualcosa tutti i giorni. Mi devi otto sterline inglesi, giovanotto. E in ricordo dei vecchi tempi puoi prenderti uno di quei dolcetti, Naschkatze”.

Nds..dedicato al mio caro amico Tuccio ormai teutonico e dimentico dell’origine isolana e del compagno castigatore in quel di Casalcoso.

ottavoattestato

Smarronamento immobiliare.

agenzia-vignetta2

Che smarronamento testicolare, prima la pioggia che ci ha affogato gli zenesi poi anche i biscari goderecciosi che hanno messo in vendita gli appartamenti dei de cuius hereditate agitur onde per cui le agenzie, forte dei mandati, continuano fare avanti e indietro sempre con agenti diversi e io che abito al piano di accesso che evita ascensori e gradini, non voglio avere a che fare con dei pistola immobiliari sempre tra le palle e voglio godermi sti ultimi giorni di sofferenza terrena fatta di tasse e deflazioni senza estranei con voglia di acquistare muri. Sti agenti mandatari dovrei estirparli dalla mia vita con un diserbante chimico. O almeno renderli utili, tipo contarli di notte, per addormentarmi, come si fa’ con le pecore. Tanto son tutti uguali. Capello ingellato lucido da foca, camicia con collo ortopedico simil gesso,divisa tipo Mecca & Chiado’, faccia da scassacazzi, scarpe di legno, cravatta mozza con eventuale Paperino che fa capoccetta dal risvolto, orologio da polso leggermente piu’ piccolo di una quattro stagioni del Follya di fronte, telefonino incastonato alla cintura e dopobarba fetente che sovrasta pure l’olezzo della gabbia del differenziato. Insomma. E’ la vita che ti porta ad essere in questo stato. Non puoi aver scelto. L’unica vera dote di un agente immobiliare e’ la parlantina. Una filodiffusione impietosa di parole, una purga verbale che ha come unico obiettivo quello di stancare, imbesuire il compratore, infiacchirgli le ginocchia. Mentendo, allegramente, soprattutto davanti all’evidenza. Per esempio. L’agente immobiliare fa’ fatica a comprendere il senso della parola.. luminoso. E dire che non e’ difficile. Luminoso e’ un appartamento dove entra dentro la luce. Del sole pero’. Non dei lampioni del marciapiede di via Italia con le nuove luci a led. Ma perche’, insopportabile manzo Borgarese, se ti ha chiesto una casa luminosa lo porti a vedere una miniera in cui hanno o sono sopravvissuti i precedenti decuiussati? Per illuminare un tugurio come quello deve farsi prestare dagli U2 un paio di fari da concerto da almeno 1000 wattapientalcul oppure devi abbattere due piani del Solaris di fronte che lascia passare il sole dalle 12 alle 12, 25 ora solare. Perche’ se ti ha chiesto un appartamento silenzioso con bella vista tu lo porti a vedere un piano rialzato con affaccio marciapiede cosparso di vecchie che vanno in piazza Agora’ schivando il monumento di ferro arrugginito dedicato a gne’gne’ e l’altro con affaccio sulla scuola dei futuri cassintegrati che passano il tempo coi pollici sugli smartphone? Vabbuo’ mo’ ti dico.. agente immobiliare delle mie palle sfrante.. se il pirla eventuale acquisitore vuole il terrazzo. Bene. Eccolo a vedere un bell’alloggio senza balconi. Se vuole un appartamento con un bel living arioso… tu gli vai visionare un alloggio fatto interamente di corridoi che sembra di entrare dentro l’intestino crasso. Cosa se ne fa di sti spazi tubiformi, deve fare.. sistemare dei pitoni per lunghezza? Grrrr. Ti ha chiesto 4 camere piu’ cucina e tu gli fai vedere 4 bagni piu’ angolo cottura. «Beh, uno lo puo’ trasformare in studio lasciando il lavandino cosi’ si puo’ lavare le mani quando scrive». Ma lo sai, agente mio che ti fai proprio odiare, quanto tempo gli fai perdere? Non credo che nella sua vita passi le ore a visitare case inutili come fai tu. E se ti hanno smollato sto rudere che son 2 anni che ce l’hai sulle croste son cazzi tuoi. Compratela tu testadivitello, togli sti cartelli dalle colonne e dai vetri e rinchiuditi pure dentro senza rompere le palle a chi se ne sta tranquillo a scrivere ste cazzate e puo’ godere australmente senza sto andirivieni di gente che pensa di investire soldo nel mattone prima che il Renzi di turno gli congeli il conto bancario.. sai che ti dico? Quasi quasi..te lo fracasso in testa io sto mattone se continui a triturarmi i marroni.

agenzia-vignetta2

Er mio neh.

pioggia

In questi momenti di bombe d’acqua mi sovviene un vecchio post ma tuttora attuale e parlo de “La pioggia nel pineto” che e’ una tra le piu’ belle poesie di D’Annunzio. E’ rivolta alla donna amata, Ermione. La scena si svolge in un bosco, nei pressi del litorale toscano, sotto la pioggia estiva.
Il poeta passeggia con la sua donna, Ermione e la invita a stare in silenzio per sentire la musica delle gocce che cadono sul fogliame degli alberi. Inebriati dalla pioggia e dalla melodia della natura, il poeta e la sua donna si abban donano al piacere delle sensazioni con un’adesione cosi’ totale che a poco a poco subiscono una metamorfosi fiabesca e si trasformano in creature vegetali.
La poesia originale ricca di enjambement e similitudini. Le rime sono libere e sono presenti molte onomatopee. La seguente poesiparodia dissacrante e mackironica invece e’ rivolta a chi ha comprato nel village discount un cappello e un vestito che costa un tesauro e ha dimenticato l’ombrello a casa o nel bagagliaio della smart.. per esigenze goliardiche il “Taci” iniziale e’ sostituito da un delicato “Silenzio”..si sarebbe potuto mettere “Muta” oppure il piu’ cattivo “Zitta” ma e’ stata optato il dolce invito per un “Silenzio” e mentre posto, fuori dal mio loculo vedo la pioggia che cade incessantemente da qualche giorno e assaporo il fatto di essere al riparo, penso a sti poveri Genovesi o anche Carraresi o a chi senza casa ha il suo cartone e panchina bagnati e mi ritengo fortunato, anche in presenza dell’IGMK in zona Gamma che era al 4% cinque anni fa e spero che con la pioggia non progredisca e del resto non faccio visite alcune in quanto non ho fiducia nella medicina anche tuttora mi chiedo che minchia e’ sto IGMK….forse sara’ l’acronimo di ..Istituto Gemmologico Mezzo Karato quindi devo aver inghiottito un solitario e cosi’ ho risolto la mia curiosita’ e vai con la pioggia sperando che il Gabriele mio vicino di casa estiva non vibri nella fossa..ma se anche lo facesse, la pioggia di certo non si fermera’..
E piove sui nostri volti che sembrano diventare elementi della selva, piove sulle nostre mani, sui nostri abiti leggeri, sui freschi pensieri che l’anima nuova schiude, sulla illusioni della vita e dell’amore che ieri t’illuse, che oggi m’illude, o Er Mio Neh.

Silenzio.
Il cielo e’diventato tutta una nube
Vedo oscurarsi le tube
Non vedo l’ombrello
Ma odo sul mio cappello
Di paglia..Da venti euro e cinquanta
la gocciola che si schianta
Come una bolla
Tra il nastro e la colla.
Per Giove piove sicuramente.
Piove sulle matrone vestite di niente
Piove sui bambini recalcitranti.
Piove sui mezzi guanti
Turchini, piove sulle giunoni,
sulle veneri a passeggio,
piove sovra i coglioni,
e quel che peggio,
piove sul mio cappello
leggiadro che ieri ho pagato
che oggi si guasta,
piove, governo ladro.

+++++ (respiro e continuo)+++++

e piove a dir8
da tutte le nubi
piove dai tubi
sfasciati
dell’acquedotto del cielo.
Piove sui cani spelati,
piove sul melo e sul tiglio,
piove sul padre e sul figlio,
piove sui putti lattanti,
sui sandali rutilanti,
sul Pegaso bolso,
piove sul tuo vestito,
che m’e’ costato un tasauro,
piove sulla salvia e sul lauro,
sell’erba e sul rosmarino,
piove sulle vergine schive,
Piove su Pasife e Bacco,
piove persin sulle pive nel sacco.
E piove soprattutto
Sul tuo cappellino distrutto
Mutato in setaccio,
che ieri ho pagato
e che adesso e’ uno straccio o Ermione
che scordi nella Smart l’ombrello
perche’ sei proprio un coglione.

e' finita
Ed e’ la seconda volta..basta..e’ finita..
Io sono qui ma Lei non c’e’.
Mi guardo intorno. Ma e’ tutto inutile. Ormai e’ finita.
Nulla la puo’ sostituire,,
Sento l’acqua scrosciare caraibicamente
governo ladro come dice il mio amico Enrico..
lui e’ felice per il 110 di Marina e io per lui
Ma in questo momento io non posso farcela senza di Lei.
Perche’ non ci sei? Come ho fatto a sbagliare? Mi sento un po’ bambino.
Ucciso dalla propria ingenuita’, son proprio un pirla..passo e chiudo.
Pero’…Non e’ stata colpa mia. Come puo’ un uomo resistere?
La Natura e’ un qualcosa di superiore che l’uomo avra’ solo l’illusione di poter controllare.
L’illusione… Ah, che bella cosa. La cosa piu’ dolce che puo’ possedere l’uomo e’ l’illusione.
Almeno in questa so’ che ci sei te, profumata tenera e avvolgente.
Si’ nelle mie illusioni ci sei. E Dio solo sa quanto sarei felice in questo momento se ci fossi anche nella realta’.
Ma e’ questo il brutto di un illusione…che non e’ reale. Non ti vedo..
Al massimo, si e’ consapevoli che quella cosa esiste solo nella nostra testa, nel magnifico universo di idee che alberga in ognuno di noi.
Oh, quanto mi piacerebbe vivere nelle mie idee, nel mio universo.
Costretto, invece, a vivere in un mondo che non mi appartiene ma che qualcun altro ha creato, schiacciato da regole non mie.
Un mondo dove tu adesso non ci sei. Ma ormai e’ inutile parlare.E’ fatta..
Come faccio adesso? Oh, no… Ti prego no… Oh, no… Lui e’ uscito vestito di marrone. La Cosa ormai e’ fatta, lo sento persino nell’aria.. doloreee.
No, ti prego non puo’ finire cosi’. Non ci credo. Eppure pensavo…Che Lei c’era o ci fosse stata, il verbo non conta piu’ ormai e vengo al sodo..
Pensavo fosse rimasto almeno un rotolo di carta igienica! Ma purtroppo mi sbagliavo. Chi e’ causa del suo mal pianga se stesso e mi ripetero’ all’infinito per decinaia o centine di volte..
“Cazzo ma guarda prima di andare a cagare..testina di vitello”.
carta_igenica