Ecco come ritrovare il nostro Notebook “smarrito”..

Ritrovare il computer rubato: come farlo in poche mosse con Prey

 Newsletter n. 645 “Il software.it”

(augurandoci di non averne necessita’).

Esistono molti sistemi per ritrovare un computer rubato. Tra i programmi migliori in assoluto c’e’ Prey, un’applicazione che ha un grosso vantaggio ossia quello di essere compatibile non solo con i sistemi Windows ma anche con Mac OS X e Linux. Il software puo’ essere quindi adoperato come “guardiano” su qualunque genere di sistema, compresi quelli di Apple.

Il funzionamento di Prey e’ piuttosto semplice: una volta installato sul personal computer, il programma configura una sorta di modulo “agent” che resta sempre in esecuzione. Non appena Prey ricevera’ notizia del furto del computer, si porra’ subito nella “modalita’ allarme”, rilevera’ l’indirizzo IP del sistema ed, addirittura, ove possibile, scattera’ una foto del ladro utilizzando la videocamera incorporata sul sistema.

Ovviamente Prey non puo’ essere efficace in ogni circostanza: il programma ha bisogno di una connessione Internet attiva e funzionante per effettuare le verifiche del caso (controllare se il portatile e’ stato indicato come rubato o meno) nonche’, ove necessario, per trasmettere le informazioni sul sistema al legittimo proprietario. Cio’ che e’ interessante e’ che Prey puo’ fare in modo di connettersi al primo hotspot Wi-Fi disponibile nelle vicinanze.

Prey, come qualunque altro programma della sua categoria, ha un ovvio punto debole: non potra’ mai entrare in funzione se il ladro del sistema provvedesse preventivamente a formattare il contenuto del disco fisso. Se, invece, questi avviasse almeno una volta il personal computer e’ altamente probabile che Prey riesca a fare il suo dovere ed aiuti l’utente a ritrovare il computer rubato.

Dopo aver prelevato la versione di Prey destinata alla versione del sistema operativo installata sul proprio computer ed aver ultimato il processo di installazione, avviando il software verra’ mostrata la finestra seguente:

Se e’ la prima volta che si utilizza Prey, bisognera’ selezionare l’opzione New user provvedendo poi a specificare gli altri dati richiesti:

In questo modo si creera’ un nuovo account utente sui server di Prey: esso sara’ utilizzabile nel caso in cui il computer dovesse essere rubato per informare il programma sul furto. Importante, a questo punto, e’ controllare di essere in grado di accedere al proprio pannello di amministrazione all’indirizzo panel.preyproject.com.

Dopo aver installato Prey, il nome del computer dovrebbe apparire – quasi istantaneamente – nel pannello di amministrazione web.

Configurato, in modo predefinito, come servizio di sistema, Prey non e’ immediatamente individuabile nella lista dei processi in esecuzione e non manifesta in alcun modo la sua presenza sul sistema.
Suggeriamo di eliminare la voce Configure Prey dal pulsante Start di Windows (tasto destro Rimuovi da questo elenco) cancellando eventualmente anche l’intero gruppo Prey dal menu’ Programmi del sistema operativo.

La configurazione di Prey potra’ essere avviata portandosi nella sottocartella platform (contenuta nella directory d’installazione del programma) ed eseguendo il file prey-config.
Facendo clic su Options for execution quindi sul pulsante Next, si accedera’ ad una finestra contenente alcune importanti impostazioni.

Per default, Prey viene configurato come servizio di sistema (scelta consigliata). Il menu’ a tendina Frequency of reports and actions consente invece di stabilire la periodicita’ (in minuti) con cui Prey deve effettuare un controllo.

Selezionando Manage Prey settings, quindi spuntando la casella Wifi autoconnect, e’ possibile fare in modo che l’applicazione tenti una connessione utilizzando il primo hotspot wireless disponibile nelle vicinanze.
L’opzione Enable guest account, permette di abilitare l’accesso al sistema utilizzando un account utente “ospite”. Sui sistemi ove sono configurati account utente abbinati ad una password, l’attivazione dell’account “guest” aumenta drasticamente le probabilita’ che Prey entri in esecuzione.

Come fare per ritrovare il computer quando ci si accorge di aver subìto un furto?

Allorquando si realizzasse di aver subìto un furto, bisognera’ accedere al pannello di amministrazione (questa pagina web), fare clic sul dispositivo rubato quindi spostare il primo “interruttore” su “Missing“:

A questo punto si dovra’ impostare il numero di minuti che Prey dovra’ attendere tra l’invio di un report e quella successivo quindi fare clic sul pulsante Salva le modifiche.

Poco piu’ sotto e’ possibile specificare le informazioni che si desidera vengano riperite sul sistema rubato (localizzazione geografica, indirizzo IP utilizzato, lista delle connessioni attive, elenco degli hotspot Wi-Fi vicini, traceroute verso un server remoto,…). La colonna immediatamente a destra consente invece di effettuare una serie di azioni accessorie quali la riproduzione di un file sonoro (allarme), la visualizzazione di un messaggio, il blocco del computer o la cancellazione di tutti i cookie e le password salvate nei browser web.

Non appena l’installazione di Prey sul computer rubato rispondera’, si ricevera’ un’e-mail di avviso ed il pannello di controllo del programma riporterà le informazioni cercate.

E’ bene ricordare che sui dispositivi sprovvisti di GPS, il dato sul posizionamento geografico del dispositivo rubato non sara’ corretto. Le informazioni piu’ utili, senza dubbio, sono l’indirizzo IP associato alla macchina (IP remoto) ed eventualmente la foto del castigatore, entrambe facilmente comunicabili agli agenti della polizia postale e delle comunicazioni.

Ecco come scaricare Prey
Download: preyproject.com
Compatibile con: Windows XP, Windows Vista, Windows 7, Windows 8
Note: Le versioni per Linux, Mac OS X e per le altre piattaforme supportate, sono scaricabili altrettanto gratuitamente da questa pagina.
Licenza: freeware

Domani e’ un altro giorno e si vedra’..

domani e' un'altro giorno1

 

 

Mangiato troppo? Sara’ la grappa con la genziana? Mi son svegliato per tempo..era un sogno e che sogno.. Un funerale.. Cazzo era il mio.. E pensare che a me non piacciono i funerali, soprattutto il mio.
Un problema di testa, mi verrebbe da dire. Oppure forse e’ stato il fatto che non ho amato tutti, dal primo all’ultimo, dal primo all’ultimo minuto? Lo so..sono un bastardo e tutti i nodi vengono al pettine.
Pero’ cazzo…eppoi e’ qui, qui vicino allo sterno, che mi si stanno condensando tutti i conati di coscienza. So’ chi sono io, me lo ha spiegato Freud. So’ perche’ mi esprimo, so’ perche’ faccio blablabla, me lo ha spiegato Derrida. So’ perche’ sono un sapone..uno che sa’ molto e basta.
Troppo colto, troppo ignorantemente attaccato ad un particolare, come fosse il primo, con il desiderio di diventare un n-logo.Soprattutto troppo modesto e moderato nei termini. Merda a sti sogni di minchia.
Prossima canzone. Parte questo valzer…mah..Facciamolo andare chissenefotte, giro piu’ giro meno, ma ballate voi.
E io intanto assisto al vostro ballo, e mi chiedo come sarebbe se mi piacesse come piace a voi. O come sarebbe se dovessi ribellarmi al tempo che passa inesorabile, senza alcuna pieta’.
Morto. Come chi dico io e come chi penso io. Beh, sono in buona compagnia. Quantomeno del resto polvere ero e polvere sono diventato.
Aspetto una sentenza. Anche se…sinceramente…non ho tanta voglia di saperlo. Meglio crogiolarsi nell’attesa piuttosto che scontrarsi con la realta’ del “detto”..fanculo gli esami io sono extra e me ne fotto della sentenza, ormai ci ho fatto l’abitudine.. ci ho.
Una canzone country dai, mettetemi quella. Almeno il mio funerale e’ divertente; voi ballate, vi parlate, sorridete e io godo come un selvaggio.
Che peccato non esserci piu’.Poter godere di tutte le quirinalate vostre.
Ormai e’ finito il tempo, mi concedo un ultimo bicchiere. Bianco e fresco, tipo quello del mio paese al mare che ha lo stesso nome di un formaggio “pecorino” e io che inizialmente pensavo mi facessero bere del formaggio.
Intanto un’immagine di me da bambino che cammino verso il buio (o forse e’ immensamente chiaro?), cammino eppoi quando arrivo in fondo inciampo e mi volto indietro con gli occhi gonfi di lacrime perche’ penso alla morte dei miei genitori..non ditemi che a voi non e’ mai successo..non ci credo.
No, non piangere, non sei piu’ bambino ormai sei un vecchio pirla.

E’ solo un sogno e non tanto chiaro..e’ pieno di frammenti tipo quello di tenere forte il volante e stare sotto il culo di chi non si vuole spostare in autostrada e non mollarlo sapendo che non do’ fastidio a chi sta’ davanti ma a chi e’ di fianco a me..ma sono un pirla e non mollo e faccio il trenino pensando magari a chi spegne la sigaretta nella spiaggia bianca con i bambini che si divertono a fare i castelli di sabbia e con le cicche fanno i cannoni sui merli..maledetto sto’ dolore al centro sterno che mi costringe a sognare un funerale, anzi il funerale.. piuttosto che all’agonia di un giorno, e di quello dopo. Pero’ niente amici o parenti in questo sogno perche’ e’ piu’ semplice.. fortunato per via di un dono, che diventa una tettoia dove rifugiarsi, quando il mattino comincia a far bruciare la mia ombra di vampiro dato che non sopporto l’aglio. E quindi, da vampiro, rimango chiuso nella mia bara. E assisto al mio funerale e da masochista godo e vaffanculo, domani e’ un altro giorno e si vedra’…

domani e' un'altro giorno

 

Andrologichiamoci a gratisse.

andrologica

 

 

Forza maschietti o pseudo tali e’ la nostra ora, dal 26 marzo danno la possibilita’ di sottoporci a visite andrologiche gratuite per sei mesi e se l’apparato perde i colpi e occhio che parlo a qualsiasi eta’ causa prostatite, disfunzioni deficit erettili ejaculazioni precoci (questa un poco meno), torsioni di testicoli con scassamento annesso..diamoci dentro… Che dolore malvagio strotosfericamente fottuto, vi ricordate l’inchiesta che hanno fatto e il cui risultato e’ stato quello che in Italia ci sono ben due milioni e mezzo di coppie che quando fanno l’incontro ravvicinato del terzo tipo non trovano sincronia nel piacere. Non godono ensemble. Uno vede le stelle, l’altra osserva il comodino. E chi e’ che arriva prima del tempo in questo rendez vous de l’amour? Chi e’ che si presenta in anticipo? Ovviamente noi mascolini che ce ne sbattiamo gli sferisteri di chi c’e’ dall’altra parte. Allora. Parlo figurato per non scandalizzare i bambini del web che invece di giocare a mosca cieca ficcano il naso sui post. Diciamo che il missile Nasa che parte per centrare il buco dell’ozono, parte quando il buco ozonifero non e’ ancora pronto. Insomma. Il maschio arriva a destinazione quando la bimba sta ancora parcheggiando la macchina sotto casa.

E’ cosi’ cari amici e le statistiche parlano chiaro.. ci sono due milioni e mezzo di coppie (escludiamone uno solo) che procedono spedite nel bunga bunga senza esitazioni ma quando si tratta di chiudere la pratica, di assurgere all’olimpo, di spiegare l’ugola nel do di petto finale, uno taglia il traguardo e l’altra e’ li che arranca in salita. E mentre uno sale sul podio e l’altra e’ ancora li che tenta la sortita del finale. Ma il bello non e’ il fatto di esso che se la prende comoda ed essa chiude le danze prima. No. La mancata sincronia nasce dal fatto che lui si sbriga moltissimo perche’ ha la juve-milan da vedere e lei no. L’arnese di lavoro e’ un fulmine come quello del mago OThelma, come la TAV che quando passa senti poi solo lo spostamento d’aria. Mi spiego. Il bunga bunga e’ come una danza, un passo a due. Come se il ballerino lanciasse per aria la ballerina e poi si dimenticasse di prenderla e facesse le piroette per cazzi suoi. Lei si implacca sulla pavimentazione e la devi poi tirar su col mestolino di nonna Pina.

La domanda e’… ma ci sara’ rimedio facendo ste visite? Se fra Coso e Cosa, Coso arriva prima e Cosa dopo, non converrebbe che Cosa partisse prima? Lei si porta avanti col lavoro… e lui intanto con calma si guarda juve-milan, poi quando lei gli fa un fischio tira giu’ le brache e bon. A meno che non si usi il profilattico ritardante che non ho mai capito com’e’. Secondo me e’ fatto di feltro cotto tirolese che ti ottunde le sensazioni per cui il piacere non lo raggiungi mai e poi mai. E farselo ingessare? Che copre un duplice bisogno? Non senti niente e resti comunque rigido da bestia? Il bello e’ che secondo l’inchiesta fatta dai soloni.. lui e lei arrivano all’orgasmo in tempi diversi… Boh.. Ma che minchia vuol dire in tempi diversi? A rigor di logica, se lui ha dato il meglio, ha trafitto la farfalla, ha visto il paradiso coi santi e tutti gli annessi e sconnessi, lei come fa ad arrivare non dico dopo, ma arrivare in qualche modo? Scusa eh? Ma se la matematica non e’ pignone se la bandierina e’ piegata lei al traguardo come azz ci arriva? Ehi? Intervistatori inchiestuolidi del menga? Ve ne siete persi un pezzo…. Raggiungono l’orgasmo in tempi diversi. Si’, ma non specificate quando! Le donne quando lo raggiungono? AHHHHHH forse ho comprendido, beata ignoranza.. Si intende forse una decina di giorni dopo, quando dicono al marito che vanno al ritiro per aggiornamento lavoro e invece si fanno una settimana bianca col collega d’ufficio? Allora si che i torni contano opps.. che i conti tornano. Ad majora e facciamoci ste visite tanto sono a gratisse..

Carabinieri (di mamma ce n’e’ una sola)..

lettera

 

Caro figlio,

ti scrivo queste poche righe per farti sapere che ti ho

scritto. Se ricevi questa lettera, vuol dire che e’

arrivata. Se non la ricevi, fammelo sapere, cosi’ te la

rimandero’. Scrivo lentamente perche’ so’ che tu non sai

leggere in fretta.

Qualche tempo fa tuo padre ha letto sul giornale che la

maggior parte degli incidenti capitano entro un raggio di un

chilometro dal luogo di abitazione. Allora abbiamo deciso di

traslocare un po’ piu’ lontano. La nuova casa e’

meravigliosa. C’e’ una lavatrice, ma non sono sicura che

funzioni. Proprio ieri ci ho messo dentro il bucato, ho

tirato l’acqua e poi il bucato e’ sparito completamente.

Il tempo qui non e’ troppo brutto. La settimana scorsa ha

piovuto due volte.. la prima volta per tre giorni e la

seconda per quattro.

A proposito della giacca che mi avevi chiesto, tuo zio

Carlo mi ha detto che spedirtela coi bottoni sarebbe stato

molto caro (per via del peso dei bottoni)…….Allora li ho

staccati. Se pensi di riattaccarli, te li ho messi tutti

nella tasca interna.

Tuo fratello Gianni ha fatto una grossa minchiata con la

macchina.. e’ sceso e ha chiuso di scatto la portiera

lasciando dentro le chiavi. Allora ha dovuto prendere il taxi

e tornare a  casa a prendere il secondo mazzo di chiavi, e cosi’

anche noi abbiamo scesi dalla macchina.

Se vedi la Marisa.. salutala da parte mia. Se non la vedi,

non dirle niente.
Ora ti saluto perche’ devo correre all’ospedale, tua sorella sta per

partorire ma non si sa’ ancora se sara’ maschio o femmina e quindi

 

non so’ dirti se diventerai zio o zia.

la tua mamma che ti vuole sempre tanto bene.

P.S.: anche stavolta volevo metterti anche un po’ di soldi, ma avevo

gia’ chiuso la busta.

alla Fine..

fine

 

 

Alla Fine della strada,
non c’e’ la strada
ma un traguardo.
Alla Fine della scalata,
non c’e’ la scalata
ma la sommita’ del monte.
Alla Fine della notte,
non c’e’ la notte
ma l’aurora.
Alla Fine dell’inverno,
non c’e’ l’inverno
ma la primavera.
Alla Fine della disperazione,
non c’e’ la disperazione
ma la speranza.
Alla Fine dell’esistenza,
non c’e’ la morte
ma la vita.
Alla Fine dell’umanita’,
non c’e’ l’uomo
ma Dio.

Angry Birds Free.

angry birds

 

Per chi gira in rete e ogni tanto si vuol concedere uno svago Angry Birds o uccellini incazzati e’ l’ultimo ritrovato che ha fatto dimenticare il Super Mario Bross e non scherzo se dico che ci sono stati 100 milioni di downloads e sta pure per arrivare in Facebucke. Se non avete mai sentito parlare di sto giochetto mo’ vi educo accento sulla u.  Si tratta di un originale puzzle game in cui bisogna utilizzare una megaiperfionda o tirasasso per dirla in padano per “sparare” dei simpatici (si fa’ per dire) uccellini e utilizzarli a mo’ di sasso o bomba (dipende dalle caratteristiche dei vari pennuti) per far fuori dei mostri suineschi (si’, dei maiali scassaminchia) disseminati lungo dei percorsi pieni di ostacoli.

 

Questo programma e’stato distribuito su tutte le piattaforme possibili e immaginabili, distribuito da varie fonti e con vari metodi – qualcuno gratuito (molto raro), qualcuno a pagamento – ed il link che ho messo sopra e pesante circa 41 MB e’ del sito TipsoTricks che ha realizzato un pacchetto all-in-one contenente tutti i livelli del gioco da scaricare a gratisse. Per gli smanettoni basta andare su mIRC e cuccare la Key per la versione completa, ma questo sapete che e’ fuorilegge.

Per l’installazione dell’Angry Birds gratuito sul picci dovrete avere un SO Windows7 con una scheda grafica di almeno 64MB di memoria, oppure scegliete la soluzione per iOS e Android e buona maialata.

Prova il BlackBarry10 sul tuo iOS e ANDROID.

 

Per tastare il nuovo sistema operativo dello Z10 potrai fare una prova cliccando sul seg indirizzo global.blackberry.com/glimpse qui proverai le principali funzioni ovviamente entrando con iOS e Android..

blackberry

Il nuovo sistema operativo BlackBerry 10 e lo smartphone top di gamma Z10 e’ stato presentato da un paio di mesi e a dire il vero ha attaccato solo in Canada ma se vuoi fare sta prova e superare il tentennamento dell’ignoto, potrai dare uno sguardo alle principale feature clickando sul link,   potrai sbloccare la schermata, ridurre le applicazioni, entrare nel famoso Hub, provare il BBM videochat. Assaggiare la nuova tastiera e ..finito con e.. prova e stop per la serie “tentare non nuoce” tanto e’ gratisse no?

Diventare hacker con Android e Dsploit.

hacker1

 

 

Oggi piove quindi giornata adatta per hackerare, in hillo tempore abilit Iesus sabbato per sata discipuli autem eius esurientes coeperunt vellere spicas et maleducar …opps scusate la scivolata dovuta al periodo post pasquale.. dicevovi che in hillo tempore divenire hacker era una cosa possibile ai piu’ esperti informatici e richiedeva un certo tipo di attrezzatura composta da antenne pc e libercoli da portarsi dietro, oltre che alla cervicale ovviamente, oggi tempi moderni da fivestars grazie a una suite di tool per l’hacking tipo smartphone oppure con un banale tablet  possiamo tuffarci nelle reti o identita’ altrui eseguendo attacchi MITM, Login Cracker.. trovare vulnerabilita’, sniffare password, cercare porte aperte etcetc…salute!

La cerchia dei programmi per fare quanto sopraindicato e’ vasta e potremmo prenderne uno a caso tipo il Dsploit che e’ un’app per Android.. andremo sul certo e veramente e’ come sparare sulla croce rossa insomma e’ come rubare la caramella al bambino della vicina del quinto piano.

Il funzionamento del programma e’ b..anale lapalissiano semplice… diamoci dentro..si avvia e dall’interfaccia principale si seleziona il target da attaccare.

hacker2

 

Poi mmmmm  si decide cosa si vuol fare, scegliendo fra trace, port scanner, inspector, inspector, vulnerability finder, login cracker, MITM, Packet forger.

In particolare gli attacchi Man in the Middle consentono di eseguire: simple sniff, password sniffer, session hijacker, kill connections, redirect, replace images, replace videos, script injection, custom filter.

 

hacker3

 

Ad esempio selezionando uno dei PC collegati alla nostra rete eseguendo un attacco MITM e cliccando su Replace Images potremo sostituire tutte le immagini visualizzate durante la navigazione internet con una a nostro piacimento e la cosa e’ divertente pero’ ovviamente occorre fare attenzione a non esagerare sempre in linea con la privacy del soggetto.

In conclusione l’accoppiata WPA Tester e Dsploitvi consentira’ di accedere a qualsiasi rete e ‘sniffare’ qualsiasi informazione circoli su di essa e come dicevo all’inizio, senza dover dare nell’occhio portandosi dietro PC e antennine varie. Tutto questo e’ da utilizzare con cura e parsimonia e solo a livello studio per testare la sicurezza della propria rete oppure come sto rilevando io a controllare che la rete del vicino ha una velocita’ doppia della mia e quasi quasi mmm.. vabbe’  sottolineo che occorre rispettare (nasoooo) le regole sulla privacy per evitare problemi legali e tagliamento di palle da parte del vicino che manco si accorgera’ del mio ingresso a meno che decida di cambiare il suo avatar mettendo la foto di Ave Ninchi a cavallo e vedo pure che ha il TeamViewer 9 quindi aggiorno il mio ..e fuori la pioggia aumenta..fortunatamente ricordo che aprile piovoso portera’ un maggio grazioso..seeee.

Importante..Dsploit funziona SOLTANTO su dispositivi con permessi di root e con BusyBox installato

Mio Fratello e’ figlio unico.

paradosso

 

E’ un paradosso ma capita ragionando sugli incroci matrimoniali in famiglia, ora sgombrate il cervello e seguite il ragionamento di Cesare..

Mi chiamano Cesare, ho 24 anni e sono sposato con una vedova di 48 anni, detta vedova ha una figlia di 25 anni. Mio padre si e’ innamorato di tale figlia al punto di sposarla.

Quindi attualmente mio padre e’ diventato mio genero, in quanto ha sposato la mia figliastra.

Inoltre, mia nuora e’ divenuta mia matrigna, in quanto moglie di mio padre. Mia moglie e io abbiamo avuto lo scorso gennaio un figlio. Costui e’ quindi diventato fratello della moglie di mio padre, quindi cognato di mio padre.. e’ di conseguenza mio zio, in quanto fratello della mia matrigna.

Mio figlio e’ dunque mio zio. La moglie di mio padre a Natale ha avuto un figlio, che quindi e’ contemporaneamente mio fratello in quanto figlio di mio padre, e mio nipote in quanto figlio della figlia di mia moglie. Io sono quindi fratello di mio nipote, e siccome il marito della madre di una persona e’ suo padre, risulta che io sono padre della figlia di mia moglie e fratello di suo figlio. Quindi io sono mio nonno!”

Ora pero’ cerco di fare un ragionamento per far quadrare la situazione.. Se io sono mio nonno, dovrei essere anche padre di me stesso, fratello di mio zio e nipote di mio figlio. Pero’ essendo mio figlio mio zio io non posso essere il cognato di mia madre che ha sposato mio nipote, ovvero mio zio. Quindi mia madre ha sposato mio zio e questo porta a dedurre il fatto che ora mia madre e’ anche mia sorella. Mia sorella e’ diventata suocera di mio figlio ma mia sorella e’ anche mia madre essendo matrigna di mia zia. Quindi mio nonno potrebbe essere semplicemente il nipote di mio figlio. Quindi io sono fratello a un figlio unico.. Se io sono davvero il nonno di me stesso allora tutto questo e’ vero. Basta non ce la faccio piu’, datemi un masso, una corda e indicatemi la via del Po.