Archivio mensile:Gennaio 2019

Basta ..e’ finita..

 

Ed e’ la seconda volta..basta..e’ finita..
Io sono qui ma Lei non c’e’.
Mi guardo intorno. Ma e’ tutto inutile. Ormai e’ finita.
Nulla la puo’ sostituire,,
Sento l’acqua scrosciare ma in questo momento io non posso farcela senza di Lei.
Perche’ non ci sei?
Come ho fatto a sbagliare?
Mi sento un po’ bambino.
Ucciso dalla propria ingenuita’, son proprio un pistola.
Pero’…Non e’ stata colpa mia. Come puo’ un uomo resistere?
La Natura e’ un qualcosa di superiore che l’uomo avra’ solo l’illusione di poter controllare.
L’illusione… Ah, che bella cosa.
La cosa piu’ dolce che puo’ possedere l’uomo e’ l’illusione.
Almeno in questa so’ che ci sei te, profumata tenera e avvolgente.
Si’ nelle mie illusioni ci sei.
E Dio solo sa quanto sarei felice in questo momento se ci fossi anche nella realta’.
Ma e’ questo il brutto di un illusione…che non e’ reale.
Non ti vedo..
Al massimo, si e’ consapevoli che quella cosa esiste solo nella nostra testa, nel magnifico universo di idee che alberga in ognuno di noi.
Oh, quanto mi piacerebbe vivere nelle mie idee, nel mio universo.
Costretto, invece, a vivere in un mondo che non mi appartiene ma che qualcun altro ha creato, schiacciato da regole non mie.
Un mondo dove tu adesso non ci sei.
Ma ormai e’ inutile parlare.
E’ fatta..
Come faccio adesso?
Oh, no… Porc..zozz. no… Oh, no… Lui e’ uscito vestito di marrone. La Cosa ormai e’ fatta, lo sento persino nell’aria.. doloreee.
No, sghinga eva.. non puo’ finire cosi’.
Non ci credo.
Eppure pensavo…Che Lei c’era o ci fosse stata, il verbo non conta piu’ ormai e vengo al sodo..
Pensavo fosse rimasto almeno un rotolo di carta igienica! Ma purtroppo mi sbagliavo.
Chi e’ causa del suo mal pianga se stesso e mi ripetero’ all’infinito per decinaia o centine di volte..
“Cazzo ma guarda prima di andare a cagare..testina di vitello”.

Il tuo abbonamento a McAfee scade – Truffa.

Se siete possessori di antivirus McAfee, fate attenzione di non dare seguito a “strani” popup che appaiono dal browser mentre navigate, ma di affidarvi al sito ufficiale per ogni rinnovo o acquisto di licenza.
Non cascate nell’offerta allettante del rinnovo dando indicazioni della vostra carta credito perderete soldi senza avere alcun antivirus..

cliccando sul rinnova apparira’ la form

ripeto fate attenzione e contattate semmai il sito qui e come vedete le cifre son ben diverse e vi lascio alle dissertazioni dello Ste sulla politica italica..

Accesso ad una rete WiFi, protetta da password WEP, WPA e WPA2.

Questo post e’ redatto solo per finalita’ conoscitive e per testare la propria rete e vi ricordo che l’art. 615ter del c.p. cita che chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volonta’ espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, e’ punito con la reclusione fino a tre anni. 
 
Ad ogni modo nel mondo della sicurezza informatica, possiamo sostenere che ottenere accesso ad un qualunque dispositivo, come ad esempio ad una rete WiFi, e’ solo questione di tempo e di risorse a disposizione. 
L’obiettivo degli sviluppatori/ingegneri informatici, e’ quello di rendere il piu’ lungo possibile tale spazio temporale.
Per quanto riguarda le reti WiFi, ci sono diverse tipologie d’attacchi, che funziona a seconda del livello di protezione della rete WiFi e di chi l’amministra e ripeto che questa guida ha il solo scopo di dare una panoramica nel mondo delle rete WiFi, in modo da potersi adoperare per evitare intrusioni e adesso ciancio alle bande e proseguiamo con le indicazioni dei termini usati usati per l’individuazione delle pass…

Wardriving .. e’ l’attivita’ che consiste nel mappare le reti WiFi che sono presenti in un area geografica, attraverso un dispositivo con scheda wireless e modulo GPS per la localizzazione.

Canale..le reti WiFi comunicano sulle frequenze 2.4 GHz e 5 GHz e in diversi canali, che variano in base alla legislazione del paese in cui ci si trova.

SSID.. e’ il nome della rete, che compare quando facciamo una scansione WiFi con il nostro dispositivo

MAC.. e’ un codice che identifica un dispositivo, all’interno di una rete, meglio noto come BSSID.

Uno dei primi passi per poter ottenere informazioni riguardo alla rete WiFi presenti in zona, e’ quello di effettuare una ricerca attraverso software oppure sara’ il vostro pc a rilevare le reti in zona.

Tale operazione prende il nome di wardriving e per farla basta avere anche uno smartphone.

Ci sono diverse applicazioni disponibili sullo store, specialmente per il mondo Android, dove e’ possibile far ricerca che permette di raccogliere informazioni, come posizione GPS del router, nome della rete WiFi, tipologia di protezione, canale di trasmissione e se il WPS e’ stato attivato.

Ecco i principali tool che si utilizzano:

Wigle Wifi Wardriving

Netstumbler

Kismac

inSSIDer

Le reti WiFi WEP sono quelle piu’ datate e dal momento che stanno diventando in disuso, sono meno frequenti durante le ricerche.

L’algoritmo di cifratura dello scambio di pacchetti, durante la fase di connessione ad una rete protetta da WEP e’ stato bucato, nel senso che attraverso la raccolta di un determinato numero di pacchetti (tipicamente più di 10.000), e’ possibile scovare la password, che protegge la rete.

I tool disponibili per procedere con un’attacco ad una rete WiFi protetta da WEP sono i seguenti:

Fern WiFi Cracker

Aircrack-NG

Wifite

Questi software sono abbastanza semplice da poter utilizzare, in quanto dispongono di interazione guidata con l’utente e, come nel caso d Fern WiFi Cracker, una vera e propria interfaccia grafica, che ne migliora l’uso. Occorre aggiungere, che un altro tipo di attacco a cui sono soggette le reti WiFi WEP, e’ quello della correlazione tra l’SSID e la password di default della rete.

Quindi attraverso il nome della rete WiFi, che e’ facilmente reperibile da una scansione delle reti wireless presenti in zona, e’ possibile ottenere una password, che in caso non fosse stata cambiata dal proprietario della rete, permette di accedervi.

Questo attacco funziona con reti WiFi di router prima del 2014, come ad esempio quelli di Alice, Telecom, Fastweb, Libero etc…, ovvero dei provider Italiani e non solo, che sono soggetti a questo tipo di attacco.

Uno dei programmi in auge e’ WPA Tester disponibile per Android, che e’ davvero molto semplice da usare.


Passiamo alle reti piu’ toste WiFi WPA/WPA2

Per quanto riguarda questi tipologie di reti WiFi, non esiste ancora una procedura simile a quella per le reti WEP, in quanto il meccanismo di protezione e’ piu’ sofisticato rispetto a quest’ultimo.

Gli attacchi possibili, riguardo il mondo del bruteforce, ovvero si continuano a fare tanti tentativi di password, fino a quando non si trova quella corretta.

I tempi di questi attacchi, possono durare da pochi minuti ad anni, in quanto se la password e’di questo tipo, [email protected]\&06″$HGYb675à*&&(KARLermejo, il processo e’ notevolmente lungo.

L’attacco puo’ durare meno, se si utilizzano delle liste preconfigurate, che riducano il numero di tentativi, da quasi infinito ad un numero piu’ ridotto.

Ad esempio alcune liste sono gia’ disponibili in base al paese delle rete WiFi, dove tipicamente sono comprese le parole chiave piu’ famose, che possono essere combinato tra di loro.

Ci sono anche software, che generano delle liste di password, in base ad informazioni legate al proprietario della rete WiFi.

Se ad esempio la rete WiFi e’ protetta da una password, che contiene il nome della figlia e il nome di battesimo del portinaio, con un attacco di questo genere, e’possibile risparmiare tempo.

I software piu’ importanti per le reti wireless protette da WPA/WPA2 le troverete in:

AirCrack-NG

Fern WiFi cracker

https://www.youtube.com/watch?v=A6-eIUAYnIA


Come nel caso delle reti WEP, con password generata dal valore dell’SSID, un tool come WPA Tester puo’ verificare se la password di default e’ stata cambiato oppure no, anche per le reti WPA/WPA2.

C’’e’ anche un nuovo tipo d’attacco, che non si basa tanto sulla tecnologia di protezione della rete, piu’ che altro da un’azione fatta dall’utente, che prende il nome di attacco phishing.

Il tool in questione si chiama wifiphisher e l’attacco si basa sulla seguente dinamica;

  1. La vittima, che e’ gia’connessa alla rete WiFi in questione, viene de-autenticata, attraverso espedienti hardware come jammer, oppure software

  2. Il dispositivo della vittima a questo punto tentera’ di connettersi ad una rete WiFi diversa dall’originale, che però ha lo stesso SSID e una potenza maggiore

  3. Una volta connessa a questa nuova rete, la vittima verra’ re-indirizzata in una pagina web di configurazione, dove per qualche motivo tecnico, dovra’ re-inserire la password del WiFi originale

  4. A questo punto il PC attaccante, avrà a disposizione la password, per poter accedere alla rete WiFi originale

Questa tipologia d’attacco e’ molto potente, ma richiede un’azione da parte dell’utente e qualora si dovesse insospettire di qualcosa, potrebbe in poche minuti trovarvi fisicamente, in quanto l’attacco funziona bene quando l’attaccante si trova magari sullo stesso vostro pianerottolo.

Reti WIFI con tecnologia WPS

La tecnologia WPS e’ molto comoda, in quanto permette ad un dispositivo ed un router, di scambiarsi una chiave, sfruttando la possibilita’ di poter accedere fisicamente al router, premendo un pulsante.

Purtroppo, questa tecnologia, si e’ scoperta fragile nella prima versione, perche’ il pin che viene scambiato tra i due dispositivo e’ composto da 8 cifre, ma le ultime 4 sono generali dalle prime 4.

Il WPS non e’ una tecnologia di protezione di una rete, come WEP, WPA/WPA2, ma bensi’ una tecnologia d’aiuto per collegarsi ad un rete. Per questo motivo, e’ possibile craccare una rete WiFi utilizzando questo exploit, con uno dei seguenti tool:

Fern WiFi Cracker

Reaver

WPS Pixie

Concludo dandovi indicazioni per evitare intrusioni nella vostra rete wireless…

  • Utilizzare come livello di protezione WPA2.

  • Cercare di utilizzare una password composta lettere minuscole, maiuscole, numeri, caratteri speciali e abbastanza lunga.

  • Cercare di cambiare la password durante l’anno

  • Disabilitare il WPS.

  • Effettuare aggiornamenti il piu’ possibile al router

  • Evitare di inserire la password del vostro WiFi in pagine WEB.

  • Evitare di fornire la password della vostra rete ad amici, meglio creare una rete apposta per logo (rete Guest)

Oppure se siete digiuni di informatica, non rompetevi piu’ di tanto per crackare pass oppss per ritrovare la vostra pass persa e ordinate in cina l’aggeggio che rivelera’ le password senza fare tante storie e lo trovate per 13,81 € spedizione compresa qui .

Ciao Bort..r.i.p

Questa settimana se ne e’ andato il mio amico Mario Bortolato in arte Bort.

Per chi non lo conosce di nome conoscera’ le sue vignette che metteva sempre in fondo alla pag.41 della Settimana Enigmistica e per chi non ricorda la vignetta, ricordera’ la frase “ le ultime parole famose”.

Da qualche tempo non vignettava piu’ anche se il giornale e’ andato avanti pubblicando quelle che aveva nei cassetti.

L’avevo conosciuto in un battibecco sorto su un social dell’epoca attorno agli anni 2000.. ICQ e ripreso poi con C6 e nella discussione era entrato anche un suo amico poi diventato pure mio, altro vignettista Cavandoli (el Cava)…quello della linea.

Ora vignetteranno assieme senza problemi di censura ed a a me rimane l’onore di averli conosciuti epistolarmente .. ma i vignettisti continuano e lascio il post allo Ste che reputo uno dei migliori contemporanei che vi illustrera’ il “Diritto diCittadinanza” (dal suo punto di vista)..

Cretini cattivi..

E’ proprio vero che esiste sempre chi si fa il cazzo degli altri e usando un termine delicato lo si definisce Cretino/a e anche Cattivo/a. 

A suo tempo postai la tranquillizzante credenza per cui e’ preferibile un cattivo ad un cretino perche’ il cattivo ogni tanto riposa, ha un’amara eccezione in me che appartengo forse alla schiera degli instancabili cretini cattivi. 

Quindi ritorno a definire me stesso ad immagine ovviamente di altri e per evitare controbattute mi colpisco da solo cosi’ posso togliere la soddisfazione di controbattere. 

Dicevo che il cretino cattivo e’ cretino perche’ non capisce un cazzo, se non il proprio interesse di parte, e non capisce nulla perche’ e’ cattivo e la cattiveria gli fonde l’intelletto. 

E’ peculiarita’ del cretino cattivo misurare la statura morale e la capacita’ a vivere nel mondo esterno con il proprio metro, scusa col proprio decimetro o con il proprio millimetro se potesse esistere lo strumento di misura e di conseguenza sospettare negli altri le infamie di cui lui o lei sarebbero capace di fare e di incorrere. 

Il cretino cattivo odia il mondo perche’ avverte l’altrui disprezzo, diffida del mondo perche’ lo misura con il proprio modo di agire, sogna che il mondo gli cade addosso perche’ lui ne fa parte e di conseguenza non gli mancano i bersagli contro cui spezzare le proprie corna, ne di solito gli mancano i mezzi di farlo in quanto la parte che colpisce, da tutto di se come modo di poterla trovare ma in cambio non ha nulla, niente..solo una palla di fumo.. 

E’ chiaro che ogni persona perbene rifugge i rapporti con i cretini cattivi…ma essi non sanno starsene in un angolino, tirando fuori cazzate nei momenti piu’ impensati, solo per il gusto di soddisfare se stesso denigrando gli altri. 

Per questo.. i cretini cattivi, sputano sentenze, dicono cose riprovevoli e stupide tranciando giudizi da nulla sopportati se non dalla cupa ignoranza di cervello ormai bruciato da agenti esterni. 

Nutrono timori visionari e forsennati contro chiunque, singoli istituzioni e societa’, comunita’ o paesi..danno giudizi a chi agisce solamente e segue il proprio istinto..e tanto meglio se quella persona e’ debole o abbia dei problemi suoi. 

Quegli attacchi non mancano di incuriosire una societa’ morbosamente attratta da tutto cio’ che e’ abnorme o bizzarro, e suscitano la complice solidarieta’ degli altri cretini cattivi, che sono legione, piu’ sono.. e piu’ si imbaldanziscono e favorisce l’ascesa dei cretini cattivi piu’ cattivi che cretini che hanno l’agio di dare sfogo alle loro intemperanze …Agiscono cosi’ i cretini cattivi sai, perche’ sguazzano nella loro merda di vita e pensano che tutto cio’ che gira intorno ad altri sia parimenti, sputando sentenze e fango.. quindi perdonami Signore e donami la serenita’ di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che non posso accettare e la saggezza di nascondere i corpi di coloro che ho dovuto uccidere oggi perche’ mi hanno rotto i coglioni ieri. 

E indipendentemente se ci sono Cretini Cattivi aiutami a stare attento ai piedi che pesto oggi, perche’ potrebbero essere collegati al culo che dovrei baciare domani.

Aiutami a ricordare quando ho proprio una brutta giornata e sembra che tutti cerchino di rompermi il testicolame che ci vogliono 42 muscoli per aggrottare il viso e solo 4 per stendere il mio dito medio e mandarli affanculo!

Concludo mettendomi prono ma col culo rivolto verso la parete.

Fammi essere come la piccola supposta che quando e’ chiamata a compiere il suo dovere lo fa fino in fondo e senza mai guardare in faccia nessuno, e come il missile che va diritto in cielo lei andra’ dritta in culo, mettendosi subito in cammino cercando umilmente cosi’ la propria strada.

E se qualcuno le si parera’ davanti dicendole con presunzione ed arroganza: «Lei non sa chi sono io!» intimamente sa gia’ che non potra’ essere altro che uno STRONZO e vi lascio alla plurivignetta dello Ste e sulle ricerche di cambimento di nomi partitici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Terra chiede aiuto.

Ehila” con 60 milioni di dollari fatevi sparare a 400 km dalla terra e cominciate ad osservarla bene 

La notte cala in quel di Roma, Parigi e Barcellona, le luci sono accese ma a Londra e Madrid godono come selvaggi sotto il sole, a sud si vedono le isole in mezzo all’oceano e la vista delle isole Britanniche, dell’Islanda e del Canada e’ perfetta..

 

Continuiamo l’osservazione dall’alto mentre la notte scende sul Brasile

Ecco l’America settentrionale

A sud della penisola Iberica una tempesta di sabbia lascia il Nord dell’Africa e colpisce le Canarie

Eccoci allo Stretto di Gibilterra.

 

Siamo sulle Alpi Svizzere e il lago Lèman

L’Islanda si presenta bene.

Che dire del Mar Nero..

 o del Mar Rosso

Certo che a 30.000 km di velocita’ oraria, in 90 minuti farete il giro del mondo ricordandovi che tempo fa si faceva il giro in 80 giorni e la visione notturna terrestre si presenta bene..

Quante luci vero? Il viaggio e’ stato bello ma occorre ricordare che quello che abbiamo visto lo devono vedere anche i nipoti dei nostri nipoti e cerchiamo di lasciare la terra come l’abbiamo trovata, anzi miglioriamola.

Luce mia..

Lo so che non mi potrai ascoltare,
ma non importa lo dico ugualmente.
Cio’ che voglio dire non e’ nulla di personale
e’ solo questo cielo… guarda che bello
e’ lo stesso cielo di ieri, e di ieri ancora
e’ lo stesso da anni ormai, da decenni…millenni
ma, dico… ne hai mai visto uno piu’ bello?
E pensare che milioni e milioni di stelle che ora vedi
possono essersi ormai gia’ spente
ma nel cielo che io vedo, sono ancora li’
e’ la loro luce, capisci? Continua a farsi vedere.
Si, il passato… il cielo e’ uno specchio del passato
prova a pensare…
Non e’ magnifico? non e’ qualche cosa di sensazionale?
Cosi’ grande, cosi’ speciale…
per un cielo cosi’ vale veramente la pena di morire.
Stella mia… continua a brillare.
(Era il lampione ..ma vai a cagare!!!)

Meglio lo Ste con gli auguri epifanici monnezzaioli romani..