Archivi categoria: Dissertazioni

Natalizziamoci.

E ci risiamo..L’anno scorso postai a dicembre, di barricarvi in casa per evitare la follia prenatalizia e qualcuno intelligentemente lo ha fatto.

Ma siamo realistici.. non si puo’. Azz.. teoricamente avete stabilito con amici e parenti di non fare regali a nessun over 10 pero’ di fronte ai regali altrui che sbordano dall’eta’ indicata, vi sentireste meschini come merde stantie e quindi diamoci dentro con i pacchi.

Poi poi vi siete imposti di evitare le cene d’auguri perche’ il vostro colesterolo ha tracimato?

Niente da fare, la societa’ dei consumi vi aspira nel vortice della magnatoria a meno che non siate degli Ruandesi, pertanto a consuntivo post fetanataliziosa duemiladiciassette non mi resta che consigliarvi o consigliarmi come affrontare l’inevitabile per il prossimo Natale. Allora..

Cominciamo con le Cene.

Tre i drammi:

1. rimbambimento da locale sovraffollato;

2. indigestioni;

3. chili di troppo e da qui non se ne esce.

I rimedi potrebbero essere:

1. bere un bicchierozzo di nebbiolo corretto grappa prima di uscire.. rende piu’ sopportabili le urla dei pargoli e le partite di tombola coi pirillini inter parentisterio.

2. pranzare a patate bollite col contorno di patate cotte sottocenere lasciando al sottoscritto la scorza che e’ gustosa da matti.

3. fare sport come per prepararsi alle Olimpiadi… oltre a dimagrire, alla cena arriverete in un’ovatta di dolce sopore tipo quella dell’orsetto di Francesco che vi aiutera’ a superare il dramma N°1.

Passiamo allo Shopping cercando di evitare per ora la spesa proletaria.

Due i problemi fondamentali:

1. scelta dei regali.

2. sopravvivenza nella calca di acquirenti.

Le soluzioni possono essere:

1. dimenticare il Regalo Perfetto. Per trovarlo avreste dovuto mettervi all’opera ad agosto, quindi comprate qualunque cosa carina vi risparmi una lunga ricerca. E se questo vi facesse sentire in colpa, pensate ai regali di Natale che avete ricevuto voi.. quanti vi hanno sbalordito per bruttezza? Quanti (confessate) ne avete riciclati? Suvvia.

2. Andare per negozi dalle parti di Settimo vicino all’obelisco natalizio, prezzi scontatissimi e con la ressa che troverete, penso che valga la pena suicidarsi in loco.

Atmosfera. Luminarie, festoni, neve finta, canzoncine sparate dalla Cristina Damiglio, pubblicita’ di profumi e pandori e agghiaccianti Babbi Natale appesi sulle transenne.. ce n’e’ abbastanza perche’ anche l’adulto piu’ bonario nutra, almeno a momenti, un odio acuminato per il pre e postNatale.

Che fare se si dovesse casualmente incontrare il Babbo Natale vero? Semplice… lo si strozzerebbe con goduria infinita’ dopo averlo violentato.

C’e’ chi si iscrive a un gruppo su Facebook e opera uno strangolamento virtuale con tutta la mia comprensione. C’e’ chi emigra in luoghi esotici e denatalizzati e c’e’ chi, diffidando del mondo virtuale e non potendosi permettere i luoghi esotici, si rassegna.. dicendo.. coraggio che dura poco.

E poi dai..il pandoro in fondo e’ buono specialmente se farcito con torrone panna e cioccolato con punte di miele come fa’ la Federica, due fettazze di quello e la vostra bilancia parlante dira’ a voi due di scendere.

E poi dai.. ai bambini il Natale piace e ciascuno di noi conosce almeno un bambino a cui brillano gli occhi davanti ai pacchetti sotto l’albero addobbato e brillano ancor di piu’ nel cuccarsi una busta tipo quelle che si danno di nascosto negli uffici pubblici per evitare le code.. non e’ poi cosi’ male, guardare il bambino e sapere che la sua felicita’ dipende anche dal regalo che ci e’ costato tanto sforzo comprargli e soprattutto nel vedere stracciare l’impacchettamento fatto con tanto amore e il bigliettino che ci ha fatto disperare per cercare di mettere una frase non usuale cercata nei motori..

ma io mi chiedo il perche’ impacchettare sti regali, evitiamo il fastidio di stracciarli facendosi magare male, tante piante risparmiate, tanto petrolio non consumato sia per la materia prima che per il trasporto differenziato… ma ripeto, la festa deve essere sino ai 120 mesi, oltre diventa un mercato e un festival del consumismo e sinceramente potremmo davvero farne a meno..dai ancora una quindicina di giorni e poi sara’ un ricordo sto Natale, alla faccia dell’austerita’ e dei Bitcoin che hanno perso un buon 25 percento in due giorni e vi posto il Padre Nostro secondo l’Adriano visto dallo Ste.

Truffe telefoniche.

Il fatto e’ che girando con lo smartphone sulla rete inavvertitamente attivi un link e ti ritrovi in qualche pagina di oroscopi, giochi online o suonerie per telefonini e se non sei piu’ che sveglio ti castigano a sangue con relativo abbonamento settimanale sul conto telefonico, ricaricabile o bolletta che sia.

Le somme solitamente sono da 4-5 euro a settimana ma possono anche salire con l’attivazione di servizi erotici.

In questo caso l’utente te ne accorgi subito e contatti il tuo gestore per richiedere indietro i soldi o quantomeno per bloccare le settimane successive.

La “Ciao son Federica numero pincopalla in che cosa posso esserti utile ?”, se ne sta ad ascoltare il tutto e poi ti dice che sei tu ad aver attivato un “servizio premium” e quindi dovevi stare piu’ attento.. azz Federica hai perfettamente ragione, sono un vecchio pirla e quando mi son accorto di esser capitato su un sito fregasoldi ho cliccato sulla x in alto per togliere la pagina ed invece mi sono autoinchiappato a raffica.. staro’ piu’ attento e la prox volta che subdoro di esser su una pagina ingannatrice non clicchero’ nulla e buttero’ lo smartphone nel cesso mettendomi in ginocchio su noccioline aperte e biglie di vetro rotte mentre implorero’ Sant’Intima di Carinzia..

Non era una conversazione assurda quella con la Federica e a qualcuno di voi sara’capitato no?

Il fatto e’ che si tratta di vere e proprie trappole telefoniche e il capo della buona Federica in qualita’ di gestore di telefonia che vende servizi e’ obbligato per legge a rilasciare il permesso di fregarti e tu devi esser accorto a non cascarci..hai voluto l’esito delle partite? Dell’oroscopo? Della suoneria ultimo hit?Hai voluto il giochino? Quindi zitto e paga..

Ma se non l’hai voluto chiedi immediatamente al tuo gestore di bloccarti tutti i servizi “ premium” anzi fallo ancor prima di essere castigato e se non vuoi fare la trafila del premi 3 premi 2 attendere l’operatore etc. sappi che ad oggi esiste un numero verde 800442299 che ti controlla il cellulare con cui chiami e ti disattiva questi servizi e sappi inoltre che recentemente esistono dei premium da 1 euro settimana finche’ morte non ti separera’ e che non ti dara’ l’allarme di dissanguamento non richiesto.. si sono accorti che con cifra bassa moltiplicato i molti coglioncicoli si fanno piu’ soldi.

Dulcis in fundo evita di rispondere se ricevi una chiamata o SMS dai numeri +375602605281, +37127913091, +37178565072, +56322553736, +37052529259, +255901130460 ( questi son gia’ stati collaudati come castigatori alla data odierna ) o cmq qualsiasi numero che inizi con il: +375, +371, +381, +255 sono chiamate da paesi stranieri quali +375 Bielorussia +371 Lettonia +381 Serbia +563 Valparaiso +370 Lituania +255 Tanzania.

In caso di risposta, riaggancia toutdesuite, evita di richiamare, il rischio e’ quello di farti copiare l’elenco dei tuoi contatti in pochi secondi e se hai dati bancari o carta credito potrai esser clonato e in menchenonsidica il tuo conto subira’ il classico prosciugamento..

Non ho finito con le raccomandazioni antitruffa, sappi inoltre che non dovrai mai e dico mai premere le sequenze alfanumeriche #90 o #09 se richiesto da qualche castigatore in linea.. in quanto trattasi di un nuovo trucco per entrare nella SIM, effettuare chiamate a tue spese e a nome tuo, ovviamente con tutto quello che potrebbe conseguire a livello problemi con la benemerita.

Insomma se tutto va bene, siamo rovinati e diamo parola al buon Stefano che con le sue strisce c’illustra la sua Italia Solidale.

Ti Unfrendo perche’ mi Sessggi.

Titolo del post strano per chi mi legge in modo togolano (ano per gli amici) ebbene si, esistono neologismi che pure il dizionario inserisce e non solo quelli del bambino che e’ stato menzionato persin dall’Accademia della Farina, opps, della Crusca e mo’ vi esplico..

Il verbo da Facebook “unfriend” e’ arrivato nei dizionari di lingua inglese e diventato parola dell’anno…d’altronde la lingua e’ una questione sociale, e questi sono social network e quindi tutto ok..ma anche in Italy non si scherza
e a tal proposito una nota craniata dice:

Roma – Negli ultimi anni il linguaggio della Rete ha ricevuto sempre piu’ la consacrazione dei vocabolari della lingua ufficiale che cambia e si piega alle esigenze e ai tempi dei nuovi mezzi: cosi’ gia’ erano entrati nel linguaggio comune Twitter, Facebook e blog (anche come verbi twittare, facebookare e bloggare).

Anche quest’anno, il social network in blu e’ protagonista dell’evoluzione degli idiomi.

E’ ancora Facebook l’origine della parola che meglio rappresenta l’evoluzione lemmistica.. Unfriend (verbo), che secondo l’Oxford Dictionary significa “rimuovere qualcuno come amico da un social network ”.

Oltre a questo neologismo saranno riconosciuti altri termini sorti dall’ICT. Solo per fare alcuni esempi, Twitter contribuisce con hashtag, il cellulare con intexticated (distratto perche’ occupato a messaggiare sul telefonino mentre impegnato alla guida di un veicolo) e sexting (inviare immagini o messaggi con i cellulare dal contenuto sessuale esplicito).
Quindi non meravigliatevi se troverete le nuove parole togolesi del tipo Vulvivendola e definita come persona che lavora nei chiavisteri.. se avete vocaboli nuovi essemessatemi oppure fate un suono uatzoppistico.

ProVerbi e ProAggettivi.



Pensieri sotto l’albero

1. Aiutati che Dio aiuta me.

2. Aiutati che Dio non lo fa

3. Al contadino non far sapere che la moglie si fa toccar le pere.

4. Al contadino non far sapere qual e’ il vero prezzo delle pere

5. Al contadino non far sapere nulla e’ meglio.

6. Al cuor non si comanda (Ma se non obbedisce, mandalo affanculo)

7. Ama il tuo prossimo… non questo, il prossimo neh!

8. Avere la siringa piena e la moglie drogata.

9. Campa cavallo …. che ti porto al macello

10. Can che abbaia fa rumore.

11. Can che abbaia lo sbattono fuori dal condominio

12. Can che abbaia non dorme

13. Can che abbaia non morde ma fa casino

14. Can che abbaia insomma…mi ha rotto i coglioni

15. Chi corrompe paga e gli appalti sono suoi

16. Chi dorme non piglia l’Aids..

17. Chi fa da se’ fa piu’ fatica

18. Chi fa da se non fa per te e fa per me.

19. Chi fa da se’…non si becca l’Aids, forse gia’ detta al 16!

20. Chi invita paga, e i conti sono suoi

21. Chi la fa l’annusi.

22. Chi la fa l’aspetti, chi non la fa, GUTTALAX!

23. Chi la fa tiri la catena

24. Chi la fa, l’aspetti. Chi non la fa, si purghi col 22!

25. Chi lascia la strada vecchia per la nuova… arriva prima perche’ e’ asfaltata.

26. Il miglior perdono..e’ la vendetta

27. Meglio mai che tardi.

Vorrei.

Vorrei tornare fanciullo, vorrei sentire l’odore della miscela del mio Motom quattro tempi a benzina.

Vorrei spremere il dentifricio nel vasetto della crema notte di Lella.

Vorrei togliere il mastice dal vetro appena messo e fare le palline da tirare ai piccioni che scagazzano sui gradini per scendere in cortile.

Vorrei rompere i vecchi termometri far uscire il mercurio e divertirmi con le gocce che escono si congiungono e si dividono.

Vorrei mettere lo zucchero nel serbatoio della moto del figlio di Alfonso che lascia acceso il motore con lo scarico orientato verso la vetrata aperta per il cambio d’aria.

Vorrei fare la mia impronta sul marciapiede di cemento fresco. Vorrei mettere le puntine da disegno nella ruota del postino che porta sempre le multe.

Vorrei fare un rutto modulato lungo 10 secondi.

Vorrei evitare di invecchiare.

Vorrei che fosse sempre estate.

Vorrei credere che l’astronauta sia un lavoro da poter fare anche di giorno perche’ di giorno non ci sono le stelle e non si sa dove atterrare.

Vorrei credere che un amico rimanga amico e non tradisca mai,

Vorrei credere che la Ferrari sia migliore della Mercedes.

Vorrei infine pensare e credere che Babbo Natale il carbone te lo porta solo se sei stato cattivo.

Eptacaidecafobia.

Questo post e’ rivolto a te dolce eptacaidecafoba che mi sposti tutto il cavisterio dei pc e ne approfitti perche’ mi alzo tardi per colpire il pavimento del tinello, per esporti controsensi sulle disgrazie che sto venerdi’ 17 si attira che poi non capisco perche’ in Spagna, Grecia e vari paesi latinamericani. dove troviamo un sacco di triscadecafobici la cui sfiga e’ proiettata sul venerdi’ e anche il martedi’ 13…bah iniziamo con le disgrazie diciassettevoli parlando

delle maniache quasi piediache delle pulizie come te, che pagano la donna delle pulizie e nel contempo puliscono la casa prima che arrivi, cioe’ scuciono dindini a quella li che viene a casa per non fare una mazza in quanto pulire sul pulito e’ uno spreco di acqua e soprattutto di additivi inquinanti che mi ritrovo in quel di Casalcoso Marino..

E che dire sul fatto di passare la cera sull’asse del water pur di non fare brutta figura, datosi che il maschio della famiglia piscia sempre fuori (non faccio nomi) perche’ non ha mai capito la storia dell’asse.. alza l’asse abbassa l’asse..boh questo e’ il terzo mistero di Casalbrodino.

Cosi’ arriva la “signora” delle pulizie, contenta come un grillo (non quello del fivestar), si infila le ciabatte si mette la cuffietta in capo, si fa il caffe’, legge il tuo giornale fa una passata sul mio pc si scatta due selfate col tuo smartsette e mezzo e poi telefona tutto il tempo col cellulare alla cugina, assunta anche lei da qualche sciroccata, che sta nell’europa ovest, per pulire sti locali sempre puliti dove puoi mangiare sul pavimento e le blatte entrano solo per farsi una slittata.

Finisco con le disgrazie guardando in quel di Porcaro ed esattamente in Via Italia… mi domando e dico alla faccia del venerdi’ 17 del perche’ del lavaggio delle strade.

Ma perche’ sprecare acqua potabile alla faccia del negretto che si fa 15 km a piedi con il, canestro sulle spalle per andare a prender acqua da una pozza… ebbene… noi la buttiamo.

Io mi sono sempre chiesto e non me lo sono mai spiegato come disse il vento alla vela.

E’ come lavare la suola delle scarpe.

Perche’ lavare le strade e non i marciapiedi che li deve lavare la nuova impresa scopatrice (e’ nel capitolato), insomma in strada tutto sommato ci si passa in auto ma sui marciapiedi dove passano i cristiani e i tir del biscottaro.. che sono?

Fogna a cielo aperto?. Perche’ vorrete mica dirmi che per togliere questi maledetti olii nocivi o residui del ciuingumme basta bagnare le strade con quegli sprizzino virgoletti?

Davvero? Ma allora e’ wonderfulloso.

Ma come mai questi oli si depositano solo in via Italia?

Le altre vie sono immuni? Qualcuno le ha vaccinate di nascosto?

Ma perche’ dico io e scusate la polemichetta, ma se l’auto posteggiata impedisce il lavaggio perche’ mi date la multa e poi la lasciate li e la lavate lo stesso sta cazzo di strada? E se potevate lavarla perche’ mi avete dato la multa a fare?

Ah capisco, era per castigo come i semafori davanti alla Coop.

Basta coi perche’ dolce eptacaidecafoba del venerdi’ or dolci triscadecafobici del martes …convengo con voi che ne’ di venere ne’ di marte non si tromba e non si parte.

Bahh e ribahhh… speriamo meglio nel domani che dovrebbe esser un sabato solatìo se sopravviveremo a questo venerdi’ 17 .

E per chi e’ a digiuno del vecchio motto sabatino lo educo, accento sulla U.

Non c’e’ sabato senza sole

non c’e’ cuore senza amore

non c’e’ prato senza erba

non c’e’ culo senza …..


Parola a Stefano e alla “mossa del cavallo” al bar..

Bad Rabbit in arrivo.


Allora ci risiamo con i craccatori che anziche’ fare attacchi infilando virus con mail o allegati utilizzano banner pubblicitari o siti internet. (Lella occhio ai vari Buongiorno, Buonasera, Buonanotte).

Per quanto si sa il nuovo ransomware sembra sia arrivato con richiesta di aggiornamento Flask Player e il malcapitato che effettueraì lo scarico otterra’ un codice malevolo denominato “infopub.dat”.

Il file utilizzera’ un primo tool in grado di svelare la password di login del PC e un secondo tool denominato DiskCryptor avente lo scopo di criptare l’intero PC senza alcuna possibilita’ (se non pagando) di ri-ottenere i propri dati personali.

Il processo si conclude con una schermata che mostra l’avvenuto attacco la quale integrera’ un timer scaduto il quale viene formattata l’intera

macchina.

Quindi fate attenzione altrimenti sarete costretti a sborsare i classici 300 eurini da pagare rigorosamente con moneta Bitcoin altrimenti con la criptazione dei vostri file potrete dare addio agli stessi.

Questo Ramsomware e’ stato battezzato coniglio cattivo, al secolo Bad Rabbit e cercate di starne alla larga in quanto vi daranno 40 ore di tempo posdiche’ la cifra del riscatto aumentera’ in modo esponenziale.

Una precauzione e’ quella di creare i file:

c:\windows\infpub.dat

c:\windows\cscc.dat

e rimuovere TUTTE le autorizzazioni, in modo che non possano andare in esecuzione e rimuovere l’ereditarieta’ dai due file in questione, una volta copiati in c:\windows.

Dai vado ad aiutare in valle.. per la mis…

In Verde le rotte dei Canadair che scaricano acqua ma qui la situazione e’ davvero brutta


Sacro e profano secondo Matteo.

Ebbene si, come disse l’uscio, io sono aperto a tutto e a tutti e quindi oggi butto l’occhio al buon Matteo (Mt,22,15-21) e anche all’attuale Matteo secondo Orsini mentre gli amici della Catalogna hanno il loro da fare e tuttavia o tuttoviale prendendo le distanze dagli Zeloti che ci davan dentro per una rivolta armata contro i Romani faccio come il numero Uno e di fronte ad una richiesta trabocchetto Zelotianica che come risposta disse.. Rendete a Cesare quello che e’ di Cesare e al Capo quello che e’ del Capo.

Andate in pace non senza aver dato uno sguardo al buon Ste che in fatto di banche ha una sua opinione e buona domenica smogghistica.

Camaleonti Umani.


Attenzione. Da scienziato esperto in pirla, essendo tale, ho isolato una nuova categoria di esseri umani. Non contagiosi ma abbastanza impestati. I cangianti. I camaleonti patologici. Quelli che oggi sono in un modo e domani tutto il contrario. Appena li sniffo cerco di stare abbottonato e con la schiena verso il muro, senza mai abbassarmi a raccogliere qualcosa da terra per al serie ..a prenderlo nel culo c’e’ sempre tempo,e voi sapete che la vita e’ questione di culo….o ce l’hai..o te lo fanno.

In natura troviamo due sottospecie di Camaleonti.

Partiamo con La Prima che e’ costituita da quelli che al primo incontro con un simile, rimangono regolarmente folgorati o folgorate.

Mettiamola al femminile che dicono.. Sai che ho conosciuto tizio? Simpaticissimo.

Una bellissima persona. Tra l’altro anche troppo fighissimo, somiglia a Clark Kent prima di trasformarsi in Superman, poi geniale, sa’ tutte le capitali d’Europa a memoria, si ricorda dei compleanni, sa dove sono riposte le mutande di ricambio, mette le calze appaiate dello stesso colore.. quasi quasi lo iscrivo alla trasmissione del Jerry Scottato….

A questo punto tu pensi… azz.., questi due diventeranno amici per la pelle. Ed e’ li’ che ti sbagli e pisci fuori dal vaso.

Dagli tempo.. max due settimane.

E poi chiedi alla cangiante come va col nuovo amico.

Lei ti rispondera’ piu’ o meno cosi’…Chi?!

Tizio?

Ma peeeer carita’… una merda… brutto, isterico e ignorante come una capra zoppa. Se posso dirti anche ladro perfino. Non ne ho le prove ma mi sembra addirittura che mi abbia castigato 5 euro dal portafoglio….

Ora riflettiamo.

Qualche volta puo’ succedere che una si pigli una cantonata, che sbagli a prendere le misure, che immagini che una persona sia in un modo e invece e’ tutto in un altro. Ma non sempre. Non tutte le strasante volte, per la miseria. Se tutti, dopo un po’ che li frequenti, diventano dei mostri, il problema e’ un po’ tuo, cara cangiante, che hai la psiche bucata e un ego elefantiaco. Gli uomini non sono mai fantastici o orribili. Sono quasi sempre a meta’. Con pregi e difetti. Alcuni con un carattere piu’ facile altri piu’ faticosi. Perche’? Tu? Wonder Woman? Sarai mica perfetta? Vedi cara, e’ difficile spiegare, e’ difficile capire, se non vedi la distanza che c’e’ tra i miei pensieri e i tuoi, cantava Guccini. Fa’ finta di non conoscerti. Non ti saluta nemmeno. Robe da chiodi. Anzi. Se tu un po’ mortificato gli fai notare chi sei, lei e’ facile che ti risponda….Ah si, ciao. Vabbuo’…

Passiamo alla Seconda Categoria.

Il camaleonte comune e facciamola breve altrimenti sforiamo.

Quello che un giorno fa’ lo splendido, ti abbraccia, ti fa’ dichiarazioni di stima incondizionata, ti promette amicizia eterna, ti racconta nel dettaglio ogni particolare della sua vita piu’ intima… e il giorno dopo? Non ti caga piu’…mai conosciuti…. E alla fine tu ti senti pazzo e lui neanche un po’. Insomma. La vita e’ spaziosa, ci puoi far stare dentro un sacco di roba. Ma i camaleonti no. I camaleonti bisogna tenerli fuori. Lasciarli sul loro ramo. A cambiare colore e lascio spazio al nostro Ste e buona domenica a tutti..tranne che a uno

Fall

Bah, eccoci in ottobre, le ombre si sono allungate, gli alberi si spogliano dalle foglie che cadono facendo un rumore silenzioso di speranze estive che se ne vanno e svaniscono, le persone si rivestono o tentano di farlo coerentemente in quanto al mattino sembra essere in Dicembre, a mezzogiorno ci si ricorda l’Agosto il pomeriggio e’ simil Giugno e la sera Gennaio.

E’ centrata l’opinione di chi dice che non ci sono piu’ le mezze stagioni ma l’Autunno non delude e arriva inesorabile con l’inizio delle serie televisive e il dubbio di come devi vestirti e’ minima cosa, ti infili in una felpa e suderai come un cammello lasciandoti in maglietta pronto ad ibernarti se una nuvola coprira’ il sole e quindi approntati alla vaccinazione polemicatoria e la vita continuera’ coi suoi ma e i suoi se e lascio spazio a Ste e alle sue idee e per la parte tecnica ci si aggiorna neh.