Hallo-Wine.

ALUIN

Non sono esperto in demonologia per dire che Halloween sia contro la chiesa in quanto festa pagana ma so’ solo che sta ricorrenza presentata come gioco o scherzetto, dalle mie parti si presenta come rottura..sia di palle che di oggetti vari.. sti ragazzini assatanati non festeggiano Sanhain il dio della morte ma godono come falchi nel petardare cassette della posta, vani motore di auto, incendiare cestini della spazzatura e per i piu’ delicati, bombolettare tutto quanto alla portata di mano.

Ovviamente dei Druidi e del Capodanno Celtico ne sanno una mazza e indirettamente col loro fare appoggiano il dio della morte.

Dietro allo scherzetto si evidenziano creature vandaliche, agitate ma fragili e quindi non meravigliamoci se il mondo va dal culo in quanto il peccato non e’ piu’ peccato perche’ presentato come forma di gioco innocente dove l’uomo e’ diventato il dio di se stesso.

Io stasera non mi presentero’ generoso col trick or treat e delle maschere di zombie o strega me ne fotto..il gatto nero lo adoro e lo scherzetto saro’ io a farlo per primo..la jack-o’-lantern a casa nostra e’ servita per fare il minestrone e se i richiedenti saranno insistenti, penso avro’ problemi con i genitori che appoggiano ste ricorrenze che non fanno parte della nostra cultura.

Detto questo, io e Lella festeggeremo a modo nostro l’arrivo dell’inverno domani al Maglio sorseggiando i vini presso l’Hallo-Wine e con 10 euro ci beccheremo un buono valido per la cannata di tre bicchieri, comprensivi di sottobicchiere, tracolla e 10 punti in meno sulla patente.

h

ID Spoofing.

carlotarocco

Ormai sapete come manipolare l’IP per non lasciare tracce della navigazione nel web, ma forse non sapete o ci sarete cascati quando sul vostro cellulare avete lumato il numero chiamante fatto da gente o enti che pensavate amici.. la vostra sapienza era legata solo all’anonimato anteponendo #31# dal cellulare o *67# dal fisso per non evidenziare il numero, ma non dal fatto che si puo’ far apparire un numero che non e’ propriamente quello del chiamante.

Ergo vi educo come si puo’ falsificare l’ID del chiamante, ricordandovi che e’ illegale soprattutto se fatto a scopo castigatorio.

Tralasciando smanettamenti laboriosi vi linko subito dove i volponi che trafficano in ebay traggono i loro numeri taroccati da far apparire sullo schermo del cellulare e mi riferisco a www.fakemyphone.it/.

Buttate l’occhio e fate la prova telefonica (la prima e’ gratuita) e soprattutto non date troppo affidamento al caller ID che viene esposto al momento della ricezione chiamata.

Per gli smanettoni USAstici resta sempre lo spoofcard

E mo’ v’ho detto..

carlo spoofing

Windows n10 Fall Update.

Windows_10_homepage_banner

Forza ragazzi ..ci siamo, arrivano le varianti grazie alle picchiate di naso che avete fatto, la Microsofottuta incomincia con gli aggiornamenti e il primo aggiornamento per Windows 10 si appella, Windows 10 Fall Update.

La nuova versione riporta l’identificativo numerico “1511” ove “15” sta per l’anno di rilascio (2015) e “11” il mese di novembre ed avra’ il nome in codice di Threshold 2.

Questa versione proporra’ numerose modifiche ed ottimizzazioni legate all’interfaccia utente che non hanno potuto trovare posto nella versione definitiva del sistema operativo rilasciata sino ad oggi che e’ quella partita a Luglio che vi ha fatto tanto penare.

Ci saranno interventi di abbellimento grafico, ad esempio, sul colore della barra del titolo usata dalle applicazioni desktop, menu contestuali allineati al resto dell’interfaccia ed una colonna aggiuntiva per le “live tiles” nel menu Start.

La novita’ principale sara’ il nuovo sistema di messaggistica che si integrera’ con i dispositivi Windows 10 Mobile e che si appoggera’ in larga misura su Skype, quindi dal Sistema Operativo Windows 10 si potranno avviare conversazioni Skype, chat vocali e videoconferenze senza installare il classico programma (questo vale come risposta al dr.Gancitano che non ha trova lo Skype e ripeto che Explorer non lo potra’ trovare in quanto come S.O ha Edge)
Purtroppo per le estensioni nel browser Edge si dovra’ ancora attendere pertanto con Threshold 2 non si potranno installare le estensioni.

Tra le modifiche fighe ci sta’ la possibilita’ di attivare Windows 10 utilizzando il codice Product Key di Windows 7 o di Windows 8.1.
Quest’innovazione porra’ fine, ad esempio, nel caso di aggiornamento da Windows 7 o Windows 8.1, alla necessita’ di avviare l’installazione di Windows 10 da una precedente versione del sistema operativo, gia’ correttamente attivata.

E per oggi e’ tutto, quindi anche da noi arrivera’ sta versione e dovrebbe essere per la prima settimana di Novembre.. scaricate e poi fatemi sapere i maldipancia che troverete e piangeremo assieme e proprio ieri ho dovuto penare per far riconoscere la pass di avviamento e l’intoppo e’ stato un aggancio di facebucke di Lella che ogni tanto usa la mia macchina.. che ho cmq risolto cambiando antivirus e bloccando gli agganci dell’associal sporkware.

Annullamento di Windows10.

introduzione

Ti hanno smarronato con l’offerta gratuita del Windows10?Ti sei almeno accorto che hai un’icona aggiunta in basso a destra?

icona richiesta

Ebbene te la sei cuccata con l’aggiornamento update Microsoftario. Mo sei incavolato vero? Ma non fare cosi’ dai, tanto e’ gratisse e poi e’ giusto che Microsoft possa fare esperimento su di te no? Nemmeno il cane fa andare la coda per niente.. Certo e’ che se facciamo un elenco di smoccolamenti per chi ha ficcato Windows10 la goduria non e’ del tutto selvaggia per i problemi sussistenti.

Uno di questi riguarda la gestione dei driver progettati per Windows 10. Ci sta’ sta difficolta’ nell’ottenere il corretto funzionamento della connettivita’ Bluetooth e WiFi e non tutte le aziende produttrici di hardware hanno ultimato i driver per sto sistema operativo e poi i problemi li hai anche sui chip audio e sui touchpad dei dispositivi portatili.

E che dire delle app che vanno in crash e nn partono? Mi riferisco a quelle del tipo Foto, Contatti, Meteo, Store e pure nello Start che ti inchioda il pc con Cortana

cortana

che non ti caga piu’ (ho dovuto lavorarci sopra per un paio d’ore per sistemare saylorenzo).

Ecco la scritta goduriosa che ti inchioda il pc..

start e cortana

Microsoft Edge prende il testimone dall’explorer che va in cantina e non e’ certo un proiettile..il browser impiega un casino di tempo di navigazione, senza contare il bloccaggio dello scroll e se vai su siti con grafica son azzi amari sempreche’ non crashi e di certo cmq e’ inferiore di brutto ai vari chrome mozilla e opera.

Aggiornamenti automatici nella versione home non li disattivi piu’ e presenti le mani pronto ad essere arrestato.Microsoft ti fa’ grazia con le versione Pro che lascia la scelta per aggiornarli magari un paio d’ore dopo con la possibilita’ di scaricarti un un apposito tool che potrai usare per la reinstallazione di determinati aggiornamenti.

Continuum. Che e’ l’asso nella manica di win10 ed e’ quello che ti da’ la possibilita’ di passare dalla modalita’ desktop alla modalita’ tablet, non viaggia liscio e non funge per animazioni non troppo fluide o mancanti e qualche programma nn gira nella modalita’ a tutto schermo.

vai alla pagina errori di Microsoft e comincerai sentire dei bruciori al bip.

Vabbuo’ se ti sei stancato di fare da apripista, togli il tutto e tu che leggi ester&fatto in quanto hai l’icona in basso a destra che ti ha rifilato Microsoft con l’Update KB3035583 che sta convalidando windows10 per il tuo pc..pensaci bene e rimembrati che se ti trovi bene con il tuo Windows7 o Windows8 e vuoi evitare che sta finestra ti compaia continuamente invitandoti a passare a Windows10 e scaricati I Don’t Want Windows10 e bevi in coppa.

Fine del soliloquio e ringrazio Alessandro Alciato (giornalista di Sky) che ha postato su twitter come fare per far ritornare ZDF nella lista dei canali a disposizione, risintonizzando manualmente il decoder alla faccia di Mediaset Premium che continua a dire solo noi etc etc ..funge il taroccamento, peccato che la gobba non ha dato spettacolo.

Bah se vuoi saltare come un grillo

cavalin

Ehm..nn intendevo questo (e’ la cavallina..remembri?)

Dimenticate questi problemi e godetevi il libercolo di Mario che dal 22 ottobre troverete nelle migliori librerie su Amazon o nelle fumetterie (non di canna) ma e’ meglio di uno svuotino..

win10a

Start e Cortana non funzionano in Win10.

ErroreCritico

E vabbe’ la buona Microsoft vi ha graziato e consegnato gratuitamente Windows 10 ma il trucco dove sta..loro lo hanno testato e funge benissimo ma solo con tutti gli ingredienti Microsoft, quindi esiste l’incognita dell’utilizzatore che ha nella macchina sistemi non sempre microsoftwaristici e pertanto esistono incognite di funzionamento (vedi antivirus, programmi di scrittura o grafici) consapevoli di tutto questo, per evitare cappelle stratosferiche fanno esperimento su chi gratuitamente sostituisce sistemi operativi abbastanza cari con prodotti free (a volte taroccati) e qui casca l’asino..ad es. potrebbe apparire tuttanbotto il popup di cui sopra, indicante “Windows 10 Errore Critico Cortana e il menu start non funzionano”,ergo entrate nel panicaccio maledicendo la volta che avete cambiato sistema e col vostro attuale bloccato accendete il cero a Santa Intima di Karinzia.. provate a telefonare a Microsoft e vi dicono di tornare al vecchio sistema o di togliere tutti i programmi extramicrosoftevoli e ricaricare sto Windows10 andando sul sito..vabbuo’, intanto vediamo di uscirne tentando qualche soluzione..nel mio caso ho risolto cosi’ e spero vada bene anche per Voi..altrimenti ite nella differenziata o dalla santa sopraindicata.

Operate..

1) Sul Desktop cliccate tasto desto e dal classico menu a tendina, dovete cliccare su collegamento.

2) Appare una schermata e inserite la o il path per il programma, non potendo accedere a niente visto il bug, digitate “powershell.exe”.

3) Sul Desktop apparira’ l’icona della shell , cliccate col destro del mouse su “Esegui come amministratore”.

4) Ora sul desk ecco la shell e dove vedete il trattino lampeggiante incollate questo:Get-AppXPackage -AllUsers | Foreach {Add-AppxPackage -DisableDevelopmentMode -Register “$($_.InstallLocation)\AppXManifest.xml”},

probabilmente sara’ un poco lento ma non demordete a aspettate il 100%.

Eseguiti tutti i passaggi per sbloccare Menu Start, Cortana, Store e tutti i software proprietari Microsoft.

Ora non resta che premere CTRL+ALT+CANC, si aprira’ la gestione delle attivita’, scegliete la linguetta “Avvio” e disabilitate tutti i software antivirus non di Microsoft, e poi riavviate il pc cliccando sul banner popup “Disconnetti ora” e in basso a destra cliccate su riavvia il pc.

Una volta riavviato il pc riattivate tutti i software antivirus disattivati in precedenza, ed il pc funzionera’ come prima.

Questa procedura evitera’ripristinare il sistema operativo ovvio che se non sarete ok dovrete fare il classico ripristino del sistema operativo da pannello di controllo, per aprirlo, dal momento che non vi funzionera’ na mazza, cliccherete su CTRL+MAIUSC+ESC (per aprire la gestione attività), da qui andate sul file: esegui nuova attivita’ e nel campo digiterete msconfig.

Questo vi permettera’ di aprire la finestra Configurazione di sistema, qui andrete nella sezione strumenti, ad esempio “sicurezza e manutenzione” e avrete il pannello di controllo aperto, poi potrete andare nella pagina iniziale del pannello e potrete fare il ripristino e il vostro computer dovrebbe ritornare sano.

Nel mio caso ho riscontrato l’errore dopo l’update mensile di Microsoft e il file incriminato era il KB3081424 ma ho visto nel web che anche il KB3081444 sbarella il sistema. (toglieteli)

RIPETO E CONCLUDO I MOVIMENTI DA FARE:

ctrl + alt + canc e apri gestione attivita’ —> file —> esegui nuova attivita’ e scrivete explorer.exe)

Quando vi compare la finestra di risorse del computer, cliccate sulla voce a sinistra “Questo PC”, quindi clicca in alto sulla voce Computer (accanto a file) e dopo di che cliccate su “disinstalla/modifica programmi”

Nella finestra successiva, nel menu a sinistra cliccate su “visualizza aggiornamenti installati” dopo di che cercate l’aggiornamento numero KB3081424 e toglietelo (se nn lo trovate cercate anche KB3081444 )
Riavviate il pc, e il problema sara’ risolto.

E ricordatevi che non vi daranno mai niente per niente e adesso spazio al al nostro NAT (e al Francesco)..

1

2

3

4

5

6

7

8

9

9a

Lettere.

gatti-emoticons

Lo so che il fascino della lettera scritta a mano e’ una goduria incommensurabile.

Scrivere con carta, penna calamaio (o anche con la Bic nera) e’ un gesto in via d’estinzione nell’era della posta elettronica e dei messaggi Whatsapp chattosi.

Quando mi dissero per la premier fois “Ti uazzappo” pensavo fosse una nuova posa del Kama e potete immaginarvi la delusione di scoprire che si trattava di uno scambio di frasi veloci in una delle tante specie di chat.

I’m old ma mi reputo moderno, veloce al passo coi tempi, ho diversi blog e uso twitter, le mail e tengo il flacone dello shampoo a testa sotto per fare piu’ in fretta la doccia alla mattina.

Pero’ ci sono eventi nella vita, che non possono essere risolti troppo velocemente, tantomeno con la sintesi estrema di un messaggino elettronico.

In una relazione ad esempio, essere mollati con un sms o una frase su Whatsapp deve essere un’esperienza terrificante..e non farliamo delle emoticons del tipo..
triste

Ti lascio (emoticon con faccina triste )..

Non ti amo piu’ (icona col cuore infranto)..

Non cercarmi piu’ (icona con faccina tipo urlo di Munh)..

Non preoccuparti, ignobile testa di (icona con pannocchia)..

Non ti cerco piu’, vai a (icona con cacca che sorride).

Abbandonare il partner con un messaggino, dovrebbe diventare un reato in una societa’ civile, ma anche la mail e’ un metodo infame usato per evitare l’imbarazzo del confronto diretto.

Ora non dico che scrivere su carta per compiere lo stesso misfatto sia un gesto encomiabile, ma sicuramente aver fatto lo sforzo di cercare un foglio, la penna e di essersi seduto a scrivere, riflettendo sulle frasi da usare, puo’ rendere il gesto ugualmente atroce, ma meno frettoloso e umiliante.

Insomma se capitasse a me, forse eviterei di spalmarti sull’asfalto con la mia auto e mi limiterei a farti saltare la rotula e il dente del giudizio.Forse..

La lettera scritta a mano richiede tempo, capacita’ riflessive e una conoscenza della lingua sufficientemente appropriata.

Nella lettera scritta si coniugano i verbi, si evitano le ripetizioni e soprattutto si usa la punteggiatura, elemento ormai scomparso nei messaggi elettronici e anche nei miei blog ad onor del falso.

Il punto e la virgola, i due punti, per non parlare del punto e virgola, sono stati sostituiti da infinite linee di puntini di sospensione, il tempo presente ha preso il posto del congiuntivo, sono sparite maiuscole, apostrofi e dulcis in fundo, la lettera K ha preso il posto del ch, ma incomprensibilmente anche della C. Se abbreviare la congiunzione “che” con un K e per risparmiare tempo e spazio e’ cretino, scrivere Kaffe’ con la K e’ raccapricciante.

Quac1 opps, qualcuno poi utilizza queste abbreviazioni persino nei testi scritti a mano, per esempio nei temi scolastici, ma qui siamo nel campo dell’aberrazione.

Gli acronimi usati negli sms, sono moltissimi e si sprecano, ad es ..

xchè = perchè

xo = però

cs = cosa

rit = ritardo

qnt = quanto

grz = grazie

prg = prego

tvb = ti voglio bene

tvtrb = ti voglio troppo bene

e via andare..

Accade, dunque che uno scambio scritto possa risultare cosi’:

“ ciao cm stai, 6lib x and dp al cinema cn me? 80 vgl di te”.

A causa di queste abbreviazioni, una ragazzina si dichiara ammiratrice della cantante Opera anziche’ Anna Oxa.

Ora la lettera scritta a mano ha un sapore sicuramente vintage, ma a confronto, questo tipo di linguaggio appare molto piu’ arcaico, direi quasi primitivo (provate a leggere le frasi di cui sopra a voce alta e capirete cosa intendo).

L’estrema sintesi di questo lessico sintetico, veloce, frettoloso, ci fa’ provare un impeto nostalgico per la dolcezza corposa e lenta della lettera scritta a mano.

L’impatto della scrittura su carta ha qualcosa di insostituibiloe rispetto alla scrittursa elettronica…l’unicita’ della grafia diversa per ognuno di noi, e’ un marchio personale e inimitabile che ci identifica e ci distingue dagli altri.

E’ forse per il fascino di questa unicita’, unita al piacere del gesto della scrittura e del tatto sul supporto cartaceo, che il “Festival delle lettere” ha avuto cosi’ tanto successo.

Nell’arco di undici anni gli organizzatori del concorso hanno ricevuto ventiduemila lettere, e ogni anno sono state premiate le migliori.

Quest’anno il tema del festival che si sta svolgendo al Teatro Litta dall’8 all’11 ottobre e’ “Lettere di pancia” adatta per il mio vicino Michele (costo biglietto da 5 a 10 eurini, compresa la caramella col buco).

Dateci sotto che domani e’ l’ultimo giorno.

Nn c rest ke incontr li’.

lol

Migranti.

migranti3

Questa volta il post e’ tutto per NAT e per chi si e’ perso Il Fatto Speciale del 6 c.m allego le superstrisce del giornalista vignettista sul tema dei migranti redatte non da letture di quotidiani ma vissute in prima persona, son quattro pagine da incorniciare e lo reputo uno dei migliori servizi.. se farete scorrere il post potrete vedere il NAT e soddisfo cosi’ chi mi ha chiesto se NAT sia un personaggio inventato. E’ forte e basta.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

Le immagini non bastano, servono i sensi.

Il 21 Settembre ho preso un aereo per Budapest.

Arrivato a destinazione non avevo idea di come muovermi, pero’ avevo una motivazione..volevo vedere di persona il mare di migranti che premeva alle porte dell’Europa e provare a raccontare dal mio punto di vista quelle scene perche’ avevo la sensazione che li stesse passando la Storia con la esse maiuscola.

Mi sono spostato prendendo informazioni in tempo reale da Twitter e Facebook, provando a raccapezzarmi sul sito della MAV la ferrovia Ungherese.

Volevo guardare i migranti siriani in cammino, parlare con loro in un inglese raffazzonato e sentirne la storia in presa diretta.

Volevo toccare con mano il muro sul confine serbo e farmi guardare con sospetto dalla stessa polizia ungherese, dalla quale fuggivano i profughi sgambettati dalla reporter Petra Laszlo.

Insomma, volevo alzarmi dalla sedia e raccontare qualcosa che non stava succedendo in un altro mondo, in Internet o al Tg.

Ma in un posto chiamato “ realtà “.

Un posto da vedere.

E capire.

a

b

c

d

e

f

g

h

i

l
1a

2a

3a

4a

5a

6a

7a

8a

9a

Dalla Guerra alla Ue, la rotta balcanica.

Sulla rotta balcanica la situazione cambia continuamente.

Frontiere si aprono e chiudono in poche ore e capirci qualcosa per me era davvero difficile.

Arrivati dalla Serbia alle porte d’Europa, i migranti si trovano nel caos piu’ totale e io che provavo a seguirne il tragitto, con loro.

L’Ungheria aveva alzato un muro per chiuderne il confine a sud, con la Serbia..i migranti non potevano entrare nel paese.

Il fiume umano ha quindi deviato il suo tragitto verso la Croazia, per cercare di raggiungere l’Austria attraverso la Slovenia e mentre io ero a Roszke sul confine serbo-ungherese ormai tranquillo – in Croazia si ammassavano migliaia di migranti e il governo non aveva idea cosa farne. L’Europa dell’est si stava riempiendo di muri,,dopo il confine serbo-ungherese, un nuovo muro tra Slovenia e Croazia e poi tra Ungheria e Croazia.

La soluzione treni che, partendo dai campi croati, portano i migranti proprio nel paese che non li aveva lasciati entrare a sud..l’Ungheria a Hegyeshalom.

Una inutile e folle, deviazione.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

9a

migranti 4

Remember.

Se sei stato bambino durante gli anni 50, 60, 70 (come me)…
Come minchia hai fatto a sopravvivere???!!!!
Da bambini, se ti rimembri andavamo in auto (chi ce l’aveva) senza cinture di sicurezza, ne’ airbag. Viaggiare seduti dietro era una passeggiata godereccia. Una vera goduria.. la si ricorda ancora.
Le nostre culle erano tintate con dei colori brillanti a base di piombo!
Non esistevano tappi di sicurezza sulle bottiglie dei medicinali, ne’ sui cassetti o le porte, mi ricordo la nonna che aveva in gabinetto i fogli di giornale opportunamente tagliati al posto dei dieci piani di morbidezza, infilati nel chiodone a punta, quel che dava fastidio era quando ci infilava la carta azzurra dello zucchero o quella gialla del macellaio e soprattutto mi ricordo quella cannata che ho dato alla bottiglia di vetro del latte appoggiata vicino al water (noi eravamo ricchi gli altri avevano la turca sul ballatoio) contenente della candeggina..non hanno chiamato il medico mi hanno riempito di latte cagliato e fatto vomitare, altro che 118.
Ricordo anche la goduria stratosferica quando con i giornali bagnati facevamo le palle per la stufa e le lasciavamo asciugare al sole e con quelle io ogni tanto tiravo ai tacchini e uno l’ho fatto secco e non si sa di che morte sia morto e siccome aveva una compagna che povera era rimasta sola l’ho finita con un colpo di tirasasso da 30 metri.
Con lo stesso tirasasso o fionda, spegnevo le lampade nella strada e a volte facevo centro nella vetrina del lattaio che ci stava antipatico e non lasciava giocare a pallone per strada.
il latte stava in un recipiente di alluminio con coperchio attorniato da mosche e il prezzo esposto in vetrina non si leggeva piu’ perche’ ingiallito del sole dall’ultima volta che era stato esposto, il lattaio lo prendeva con un mestolo e lo ficcava nella ramina che ci portavamo appresso e mentre si girava noi gli fregavamo i messicani (piccoli dolcetti di liquerizia con tutte le forme degli animali).
Quando uscivamo in bicicletta, non avevamo ne’ casco, ne’ protezioni per gomiti e ginocchia e io avevo messo una cartolina fissata con una molletta stendipanni per fare un rumore da motoretta quando toccava nei raggi.
Si beveva l’acqua del rubinetto del giardino o dove la trovavamo, fino a quando non smetteva la sete. Non esistevano bottiglie di acqua minerale.
Passavamo ore a costruire auto con delle casse o dei tubi, un amico in bici ti rimorchiava n cima alla salita..,dove finalmente ti ricordavi di non aver freni.
Dopo qualche botta si imparava a risolvere il problema,..ci si fermava contro un albero o per terra. Eh si! All’epoca, non c’era molto traffico.
Si usciva a giocare alla sola condizione di rientrare per pranzo o per cena..o al calar della sera. (mia madre mi chiamava “cartellino” tipo timbratura dei baracchini lavorativi a pie’ del monte).
Si andava a scuola solo al mattino e si rientrava a casa per pranzo dopo aver assaggiato di tutto (anche i frutti di qualche albero trovato nelle fattorie dislocate durante il percorso..) e al tempo del grano prendevamo il ciuffetto delle pannocchie lo avvolgevamo nel giornale e ci facevamo delle grandi canne, nascosti nelle capanne del boschetto dove i piu’ grandicelli iniziavano ad andare di mano e a questo proposito mi ricordo che eravamo tutti in circolo seduti ad osservare il piu’ grande che iniziava a spermatizzare dopo la smanettata.
Non avevamo cellulari.. cosi’ nessuno poteva sapere dove eravamo!! Impensabile vero?
Ci tagliavamo, ci rompevamo le ossa, saltavano i denti, facevamo a cazzotti nelle fiere del paese, ma non ci sono mai state denunce per questi incidenti. Nessuno era colpevole… solo noi stessi, se ci lamentavamo le prendevamo pure..
Si mangiava di tutto, biscotti, pane, cioccolata, gelati. Si bevevano bibite zuccherate con tutti i tipi di coloranti ma non avevamo problemi di peso, visto che passavamo la giornata a correre o a giocare.
Si divideva una Coca fra tutti, una cannata a testa (quando la si comprava in bottiglia di vetro da un litro) si beveva dalla stessa bottiglia e nessuno e’ mai morto anche se mentre qualcuno beveva a lungo gli si dava un cazzotto col rischio di ingoiare pure la bottiglia.
Non avevamo Play Stations, MP4, Nintendo 86, Xboxs, IPad, Smartpkone5, Skylanders. Video, Sky con 399 canali TV, masterizzatori, cinema con suoni surround, notebook, PC, Facebook, Twitter, Internet, ecc ..AVEVAMO VERI AMICI.
Si usciva in bici trasportati magari sulla canna e si pedalava in con tre gambe, si andava dai nostri amici, si suonava o..si entrava senza suonare (la porta era sempre aperta) e si giocava sino alla morte.
La fuori!
In questo mondo crudele!
Senza il bodygard.. al massimo ci stava lo scassaminchia del giardiniere o la portinaia che era piu’ alta se si metteva per traverso, un armadio a tre ante ventiquattrostagioni con una sberla diventavi una trottola.
Si giocava alle biglie rigorosamente di terracotta, a nascondino, a guardie e ladri e a calcio e nella squadra che si formava per giocare se qualcuno non era scelto, non era mai stato un dramma per nessuno.
Alcuni non erano bravi a scuola, dovevano semplicemente rifare l’anno se erano bocciati, sui nostri diari leggevi frasi del tipo..il tempo passa, il tempo vola..e noi cretini andiamo a scuola. Nessuno andava dallo psicologo. Si rifaceva l’anno e ci veniva data una seconda possibilita’ dopo ovviamente aver preso diverse cinquine in faccia.
Avevamo la liberta’ dei successi e degli insuccessi, delle responsabilita’.. che abbiamo imparato a gestire.
Sei di questa generazione?
Se lo sei, prenditi un minuto per riflettere e parlane un poco coi tuoi amici. Forse per un po’ dimenticheranno la vita stressata che stanno vivendo e ridiventeranno bambini di una volta..
Di sicuro diranno: “ Cos’era tutto questo?”.
Ma quanto eravamo Felici con cosi’ poco….

Avete messo le stelline in Peeple? Sii? Sentire o guardate che ne pensa il Nat 1
2
3

4

5

6

7

8

9

9a