Samsung Galaxy – Patch maggio 2019.

Lista degli smartphone Samsung Galaxy destinati a ricevere l’aggiornamento di maggio 2019 pubblicato da SamMobile.

  • Galaxy S9, Galaxy S9+, Galaxy S10, Galaxy S10+, Galaxy S10e

  • Galaxy Note 8, Galaxy Note 9

  • Galaxy S7 Active, Galaxy S8, Galaxy S8+, Galaxy S8 Active

  • Galaxy A5 (2017), Galaxy A8 (2018)

A seguire, invece, quelli che prevedono ormai un piano trimestrale di rilasci e che, con ogni probabilità, saranno esclusi dall’elenco a proposito della patch di maggio:

Galaxy S7, Galaxy S7 Edge, Galaxy S8 Lite, Galaxy Note FE

  • Galaxy A5 (2016), Galaxy A6, Galaxy A6+, Galaxy A7 (2018)

  • Galaxy A8+ (2018), Galaxy A8 Star, Galaxy A8s, Galaxy A9 (2018)

  • Galaxy A2 Core, Galaxy A10, Galaxy A20, Galaxy A20e, Galaxy A30, Galaxy A40, Galaxy A50, Galaxy A60, Galaxy A70

  • Galaxy J2 (2018), Galaxy J2 Core, Galaxy J3 (2017), Galaxy J3 Top

  • Galaxy J4, Galaxy J4+, Galaxy J4 Core, Galaxy J5 (2017), Galaxy J6, Galaxy J6+

  • Galaxy J7 (2017), Galaxy J7 Duo, Galaxy J7 Max, Galaxy J7 Neo, Galaxy J7 Top, Galaxy J7 Prime 2, Galaxy J7+, Galaxy J8

  • Galaxy M10, Galaxy M20, Galaxy M30

  • Galaxy Tab A (2017), Galaxy Tab A 10.5 (2018), Galaxy Tab A 10.1 (2019), Galaxy Tab A 8 Plus (2019), Galaxy Tab Active 2

    Ciancio alle bande e adesso VinciSalvini.it dello Ste..

WhatsApp bloccato alla fine del 2019.

Spesso parlando di WhatsApp bloccato e sospeso su alcuni smartphone siamo andati incontro a bufale.

Oggi 15 maggio 2019 ecco l’elenco ufficiale di 40 modelli di smartphone per i quali non ci sara’ piu’ il supporto dell’app di WhatsApp.

Prestigio MultiPhone 8500 Duo, Nokia Lumia 636, Kazam Thunder 340W, Microsoft Lumia 535, Archos 40 Cesium, NGM Harley Davidson, Nokia Lumia 735, Nokia Lumia 830, HTC One (M8) Windows Phone, Nokia Lumia 530, Nokia Lumia 930, Nokia Lumia 635, Nokia Lumia 630, Samsung GT-i8750 ATIV S, Microsoft Lumia 540 Dual SIM, Microsoft Lumia 430 Dual SIM, Microsoft Lumia 640 LTE, Acer Liquid M220, Kazam Thunder 450W, Kazam Thunder 450WL, Microsoft Lumia 640 XL LTE, TrekStor WinPhone 4.7 HD, Microsoft Lumia 435, Microsoft Lumia 532, Alcatel OneTouch Pop 2 Windows Phone e Prestigio MultiPhone 8400 Duo. Nokia Lumia 525, Huawei Ascend W2, Nokia Lumia 1020, Nokia Lumia 625, Nokia Lumia 925, Nokia Lumia 520, Nokia Lumia 720, Huawei Ascend W1, Nokia Lumia 620, Samsung GT-i8750 ATIV S, HTC 8S, HTC 8X, Nokia Lumia 820 e Nokia Lumia 920.

Il provvedimento sara’ valido sia Italia che nel resto del mondo, ritenendo i prodotti in questione obsoleti.

Si tratta fondamentalmente dell’elenco riguardante i principali modelli che sono stati lanciati sul mercato con il sistema operativo Windows Phone.

WhatsApp bloccato e sospeso, dunque, in questo caso e’ incentrato sull’OS di Microsoft, che a conti fatti non ha fatto registrare alcun passo in avanti nel suo sviluppo nel corso degli ultimi anni.

Una sorta di ammissione di inferiorita’ nei confronti di Android ed iOS che non ammette discussioni.

La decisione e’ stata ufficializzata nel corso degli ultimi giorni dallo staff di WhatsApp.

25 anni di politica itaGliana.

Salve, sono il Pirla di Sinistra.

Non vi dico il mio nome ma, appena mi presento,mi riconoscerete. 

Sono entrato in politica nel 1994. 

Cercavo un posto al sole nella Gioiosa macchina da Guerra.. tutti dicevano che avrebbe vinto di sicuro.

Invece vinse B., ma fui felice lostesso.. il Cavaliere Nero, l’autocrate miliardario che sdoganava i fascisti era il nemico ideale per resuscitare la sinistra scampata a Tangentopoli perche’ Greganti aveva tenuto la bocca chiusa. 

Bastava ripetere ogni due per tre che era fascista e le masse sarebbero tornate da noi. 

Purtroppo le cose non andarono proprio cosi’… B. cadde per mano di Bossi, altro fascista col quale D’Alema, auspice Scalfaro, si accordo’ per sostenere il governo Dini. 

Disse addirittura che la Lega era “una costola della sinistra”, solo perche’ milioni di poveracci che votavano per noi si erano buttati sul Carroccio per disperazione.

Io ovviamente non ero d’accordo, perche’ noi di sinistra non dobbiamo perdere la purezza governando con altri.. o soli contro tutti, o niente. 

Meglio il peggior nemico che il migliore amico.

Nel 1996 arrivo’ Prodi, l’usurpatore, che non veniva dal Pci, ma dalla Dc. e ci spiego’ che per governare dovevamo aprirci ad altre forze.. le chiamava Ulivo, sai le risate.

Pero’ la gente ci casco’ e lui vinse.

Fortuna che D’Alema si mise con B. nella Bicamerale per far la guerra al Prof e ai giudici, che rompevano i coglioni anche ai nostri. 

Nel ‘98 godetti come un riccio quando il compagno Bertinotti, un vero puro di sinistra,rovescio’ l’intruso col pretesto delle 35 ore di lavoro e servi’ il governo al Lider Massimo su un piatto d’argento. 

Certo, questi dovette imbarcare Cossiga e Mastella, bombardare la Jugoslavia per ordine degli Usa, comprarsi la finta opposizione forzista con leggi anti-pm e pro-Mediaset, ma almeno ci liberammo di Prodi.

Purtroppo gli elettori non capirono la genialita’ dell’operazione.. D’Alema cadde e, dopo la parentesi Amato, torno’ B. Meglio cosi’ preferisco mille volte lui alla falsa sinistra. 

Tanto peggio, tanto meglio, cinque anni radiosi.. B. rovinava l’Italia e noi dall’opposizione a strillare al regime senza responsabilita’.

Bastava aspettare e avremmo stravinto.

Non ando’ proprio cosi’ nel 2006 torno’ Prodi e pareggio’, qualche voto in piu’ grazie agli italiani all’estero.

Per fortuna duro’ meno di due anni, poi Veltroni lancio’ il Pd a “vocazione maggioritaria”, disse che degli alleati faceva volentieri a meno, figurarsi di Prodi.

Infatti gli alleati ci mollarono (Turigliatto&C, Mastella&C).

Ma si’, molto meglio resuscitare B. e aspettare che spaventasse i nostri elettori per farli tornare all’ovile.

Lui ce la mise tutta.. i soliti malaffari e pure i sexy- scandali.

Ma nel 2011, quando finalmente cadde, noi “ ammazza

che volpi! “ decidemmo di non andare al voto.. un bel governo del compagno Monti sostenuto da Pd e FI, non proprio di sinistra-sinistra, pero’ piaceva tanto al compagno Napolitano.

Nel 2013 i nostri elettori si sbagliarono di nuovo.. anziche’ apprezzare le grandi riforme contro i pensionati e i lavoratori, preferirono i 5Stelle. 

E finimmo pari con loro. 

Quel tontolone di Bersani tento’ di agganciarli, ma per

fortuna non abboccarono. 

Poi Grillo tento’ di agganciare noi, per votare il nostro ex presidente Rodota’ al Quirinale e poi governare insieme, ma per fortuna non ci cascammo.

Molto meglio rieleggere Napolitano a 88 anni per altri sette e rifare il governo con B.

Pussa via, populisti.

Purtroppo Silvio fu condannato e mollo’ Letta (Enrico),

ma Alfano&C. restarono incollati alle poltrone.

Intanto il compagno Renzi, che sali’ a Palazzo Chigi sempre con gli alfanidi e pure con i verdinidi.

Certo, non era proprio di sinistra, infatti completo’ l’opera lasciata a metà da B. e attacco’ pure la Costituzione.

Ma in fondo questo e’ un Paese di destra.. la sinistra puo’ governarlo solo se fa la destra.

Purtroppo la gente non ci capi’ neppure nel 2018.. chi era di destra, anziche’ noi, voto’ Salvini.. chi era di sinistra, anziche’ noi, voto’ M5S. Di Maio ci offrì un contratto di governo, ma noi furbi lo gettammo tra le braccia della Lega, meglio starcene sull’Aventino con i popcorn a goderci lo sfascio populista-sovranista.

Mica scemi.. va bene governare con B., Alfano& Verdini, ma con quel figuro di Di Maio proprio no.

Cosi’ gli elettori imparano.

Ma questi perseverano.. ci preferiscono ancora i gialloverdi.

Eppure gridiamo al fascismo un giorno si’ e l’altro pure,

i nostri librai minacciano di non vendere il libro di Salvini,

abbiamo cacciato il suo editore dal Salone, mandiamo i nostri agit prop in tv a ripetere che questo e’ il peggior governo della storia repubblicana, va tutto male, l’Apocalisse e’ vicina.

Che dobbiamo fare di piu’?

Se Salvini diserta il 25 Aprile lo fischiamo, se la Raggi va al 25 Aprile la fischiamo. Se Salvini dimentica la lotta alla mafia lo fischiamo, se i grillini vanno al corteo per Peppino Impastato li cacciamo.

Se arriva Greta siamo tutti ultra’ ambientalisti, poi tutti a manifestare pro-Tav coi leghisti, i forzisti e Confindustria.

Se passano il reddito di cittadinanza, le leggi anti-precari

e anti-corruzione, votiamo contro perché non le abbiamo

fatte noi.

Ora siamo un po’ preoccupati, perché la Lega cala

nei sondaggi e i 5Stelle recuperano.. la gente, invece di apprezzare la strategia dei popcorn, scambia i grillini per

l’opposizione.

Altro che dialogare con loro.. piu’ Salvini si sgonfia, piu’ lo rigonfiamo, dandogli del nuovo Mussolini anche se non ci crede nessuno, ripetendo che comanda lui anche se non è vero, attaccandolo sulla guerra ai clandestini anche se li moltiplica, difendendo questa Ue che sta sulle palle a tutti. Senno’ e’ capace di non votarci il Tav e di non spaventarci piu’ gli elettori.

Se la gente non ha piu’ paura, perche’ dovrebbe votare per noi?

7° Non rubare (ottavo..falla franca).

Il post odierno dedicato a chi ruba e’ stato scritto da Pino Corrias cinque anni fa e descrive in pieno la morale di persone il cui nome non sara’ indicato, in linea con le decisioni imposte da chi ci governa o tenta di governarci.

Ma rimane una considerazione su una battuta di Orson Welles nel film “Il terzo uomo” ..

“In Italia, sotto i Borgia, per trent’anni hanno avuto guerre, terrore, assassinii, massacri pero’ hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento.

In Svizzera, hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di pace e democrazia, e cos’hanno prodotto? Gli orologi a cucù.”

In effetti la filosofia scellerata che si nasconde dietro la cultura dell’illegalita’ e’ proprio questa.. che se si cammina per le vie diritte non si puo’ fare niente di grandioso”.

Io rubo.

Pago tangenti, sigillo buste, movimento contante.

Lo faccio ovunque, dove serve: nelle aree di servizio, per strada, in discoteca, al ristorante.

Mi tengo la mia cresta, diciamo il 10 per cento più le spese per il disturbo, abbastanza per tirarci fuori una casa, un attico al mare, una seconda moglie, la governante, due auto, una barca, una ragazza di prima classe per le serate che mi sento solo, un po’ di bambagia esentasse in Lussemburgo per la vecchiaia e un cane.

Il cane è l’unico che mi vuole bene.

Io rubo e ho la coscienza a posto.

Muovo l’economia.

Compro terreni che non valgono un cazzo, do la sveglia agli uffici tecnici, ai geometri indolenti, agli assessori in fregola.

Ingaggio due imprese di malavita per semplificare i permessi e un’azienda buona che fa il lavoro in nero, al ribasso, ed ecco che saltano fuori cento villini vista pioppi e autostrada.

E se poi nessuno li compra prendetevela con i dilettanti delle agenzie e con questa maledetta recessione.

Io cosa c’entro?

Scavo dighe in fondo al mare, un portento di ingegneria che il mondo ci invidia, lubrifico in dollari, euro, cene, escort, cocaina, vacanze, fondi pensione.

Combatto le maree e finanzio il Carnevale, salvo Venezia da tutti i metalli pesanti che scarica in laguna quell’altro capolavoro di Petrolchimico che astuti ingegneri hanno costruito nel posto più bello del mondo, piantando ciminiere d’altiforni sulla schiena delle sogliole e sulle rime di Lord Byron. È colpa mia se poi ai cristiani e alle vongole gli viene il cancro?

Io rubo e innalzo pale eoliche in cima a delle stupide colline d’Appennino dove volano stupidi uccelli e mosche.

Le pale fanno schifo, lo so, ma un architetto scemo che dice che invece sono belle si trova sempre.

E anche un artista controcorrente.

Muoiono le api?

Chissenefrega, apriamo il dibattito, facciamo sei convegni pieni di hostess bionde sulle energie rinnovabili, foraggiamo il ministro e la sua corrente di arrapati, adottiamo una coppia di lontre sul Trebbia, due ecologisti in Amazzonia e vedrete che prima o poi il vento arriva.

Io rubo e fabbrico corsie d’ospedali in linoleum ad aria condizionata, sale operatorie in acciaio inox, non è colpa mia se poi l’energia elettrica non arriva, piove dal tetto, gli zingari si fregano il rame e il polmone per la ventilazione meccanica va in malora.

Nella Sanità bisogna stare attenti, c’è così tanta malavita che neanche nell’infermeria ad alta sicurezza di Poggioreale: sottosegretari che allattano primari, primari che si scopano le infermiere, infermiere che si vendono i letti, tutto sovrinteso dalla politica, benedetto dal vescovo, ci mancherebbe, purché le infermiere, i primari e i sottosegretari siano dei buoni obiettori di coscienza.

Io rubo e faccio pil.

Dicono 60 miliardi di euro l’anno, che poi sarebbe la metà della corruzione di tutta l’Unione europea messa insieme, una bella soddisfazione per il Made in Italy, la professionalità paga.

La creatività pure.

Se poi la cifra sia vera o falsa non lo so.

Se è tutto nero, tutto sommerso, come si fa a vedere?

Con le cimici dentro i piatti di astice e spigola da Assunta Madre? Pedinando i commercialisti?

Perquisendo le fondazioni bancarie?

Oppure mettendoci a contare le mignotte su via del Babbuino?

Io rubo e non capisco tutto questo scandalo.

Scandalo a orologeria, dico io.

Uso politico dello scandalo, dico io.

Gogna mediatica.

Che a essere dei veri garantisti ogni scandalo andrebbe considerato innocente fino al terzo grado di giudizio di un giusto processo, diminuito di ogni attenuante.

E per quel che ne so con Ilva, Malagrotta, Montepaschi, Expo, Carige, Mose, non siamo neanche ai preliminari.

Quindi calma e gesso.

Che poi dovremmo avere un po’ più di orgoglio patriottico, visto che gli scandali li abbiamo pure esportati – come l’olio, la pasta, il concentrato di salsa – specie ai tempi d’oro del socialismo riformista e altruista, con le bananiere dirette in Somalia, le autostrade dirette a Tripoli, gli ospedali nel deserto.

Io rubo e la chiamo economia reale, condivisione, socialità.

La chiamo adrenalina, dinamismo, gioia di vivere.

Guarda la faccia triste di un sindaco finlandese senza tangente e quella allegra di uno dei nostri che incassa mozzarelle e cozze pelose a ogni ordinanza.

Guarda le pance e le mandibole dei nostri consiglieri regionali, che sposano figlie, festeggiano amanti, volano in business, visitano Padre Pio e i Caraibi.

Ascolta le risate. Lasciati andare, ce n’è per tutti.

Io rubo e ruberò fino alla morte.

Pensa che noia senza e come ogni domenica allego una striscia dello Stefano che focalizza l’assegnazione delle case a Roma..

Entusiasmo? Naaaah…

Siamo ad un terzo di Maggio pensare che dovrebbe essere primavera inoltrata ma oggi questa temperatura sta sciogliendo la neve dai tetti e il teleriscaldamento cerca di ripristinarsi mentre al sud sciano scendendo dal campanile della chiesa bianco.

Boh..

Incredibile quanto durino i mesi che non ci piacciono e non e’ semplice trovare motivi di felicita’.

Ma forse c’e’ un piccolo espediente per sopravvivere alla sfiga.

Avvicinate la pagina del togo tuentinove all’orecchio che ve lo dico.. sgramigniamo dalla nostra vita i SURGELATORI DI INIZIATIVE.

I famosi SDI.

I surgelatori di iniziative sono quelli che di mestiere entrano nella tua vita a piedi uniti e ti distruggono quel micron di felicita’ che ancora ti resta.

Quelli che di professione fanno i trovatori di peli nell’uovo, categoria 0 biologico freschissimo sfornato da galline allevate all’aperto.

Ma non facciamo l’errore di confonderli con i pessimisti.

Naaa, perche’ il pessimista una sua visione del mondo ce l’ha nera come un dark di notte ma ce l’ha.

Il pessimista quello del bicchiere meta’ vuoto parte per una vacanza alle Mauritius e ha paura che arrivando la’ non trovera’ la linea per entrare in Linkedin o mettere il mi piace su Facebook.

Il surgelatore di iniziative invece e’ molto ma mooolto peggiore assai, perche’ non ha convinzioni e siccome non ne ha, distrugge quelle di chi reputa sia meglio di lui.

Il suo motto e’.. non preoccuparti, arriveranno tempi peggiori. Oppure ..forza che il meglio e’ passato.

E’ quello che ti dice… Che bello questo taglio nuovo di capelli… peccato che sembri presbitero e ti mette in evidenza quella parte che tu non vorresti far vedere.

Oppure, vedendoti carico di sacchi di umido, plastica, carta e vetro differenziati, ti sorride pietoso e sospirando ti fa …Ancora ci credi? Povero ingenuo pirla e ti racconta di aver visto all’arrivo della tua differenziata che hai suddivisa con tanta dedizione, l’ometto col Caterpirlar che mischiava tutto assieme…

Che distillato di odio concentrato.

Per far vedere la casa nuova ad un surgelatore di iniziative e’ meglio prima tracannarsi mezza bottiglia grappa con genziana della Val Dunduna, perche’ in uno stato di semi ubriachezza gli strali faranno meno male.

Lo schifosone bastardo parte sempre con un apparente complimento…Bello… ma basta contare fino a tre che arriva la mazzata.

Uno, due .. e tre. …Peccato che… E parte l’elenco..

la facciata e’ orrenda, la scala e’ ripida, la canna fumaria e’ da intubare se non vuoi morire soffocato, l’ascensore e’ stretto e non si ferma in piano ma presenta un gradino dove inciamperai certamente quando avrai in mano i pacchi dell’ipermercato, il tetto e’ fradicio di amianto e i pluviali sono in eternit, la cantina e’ umida, sotto il pavimento circolano fiumi di gas radioattivi, e il muro maestro c’ha una bella crepa.

Il surgelatore di iniziative prende fiato e si zittisce per adesso, e sottolineo per adesso.

Ma poi cambia subito argomento e passa alla tecnica internetchattosa.

Sul tuo blog ha scrutato nei commenti e ti avverte sulla newentry… ti dice che e’ una bella figa, peccato che la foto non sia sua perche’ l’ho cuccata su altri blog, ha come minimo intrallazzato con tutto l’esercito di facebook… poi lui scende sull’intimo e sa che ha un foruncolo sulla tetta sinistra che si confonde col capezzolo ed e’ pure stitica.

Ah poveri noi quando incontriamo sti Surgelatori di Iniziative..

non parliamo poi di quando hai la disgrazia di averceli in macchina. E’ una continua lamentela, perche’ tu vai troppo sotto a chi ti sta davanti, sei sempre al centro strada, fai la strada piu’ lunga, con tutti i percorsi molto piu’ brevi che ci sono se tagli per….

Ma ammettiamo pure che sia cosi’.

Lo so che la tangenziale e’ dritta ma per evitare 5 semafori ti fai tutto il perimetro della citta’ e rischi di stare dietro a un tir che impiega 20 minuti per sorpassare l’altro tir che non gli da strada, e se comunque a me, che sono pirla dalla nascita, piacesse fare la strada piu’ lunga?

Chettefrega dico io.

Voglio fare questo tragitto perche’ c’ho i miei appuntamenti. Incontro una magnolia che d’estate, fiorita, leva il fiato, una casa antica con dei beau windows poole che sono un sogno e un pezzettino di fiume che ad una certa ora del giorno brilla come l’argento, e poi ho il mio cartellone pubblicitario con la Belene che reclamizza la sua azienda.

Ma cosa lo dico a te… arido parassita surgelatore di iniziative, tarlo del mio gioire che mi fracassi i maroni continuamente e mi fai voglia di toccarmali non peraltro ma solo per garanzia di antifracassamento sfigatorio.

Windows 10 – Aggiornamento maggio 2019 non riuscito.

Come pubblicato su Mondo Software potreste non riuscire ad effettuare l’Update di Windows 10 uscita il 3 maggio 2019 e la causa e’ dovuta al sistema con poco storage

Con alcuni degli aggiornamenti di Windows 10, Microsoft tende ad ampliare i requisiti minimi per l’installazione del sistema operativo.

Se prima i requisiti venivano modificati in base alle nuove versioni rilasciate, ora ci sono i feature update, ossia aggiornamenti più grossi e corposi che introducono nuove funzionalità.

E proprio per questo i sistemi con poco storage rimarranno fuori dall’aggiornamento di maggio 2019.

Ecco di cosa si tratta.

Windows 10: andiamo a vedere il perché molti sistemi rimarranno fuori dall’aggiornamento di maggio 2019

In questo aggiornamento di maggio 2019 per Windows 10 sono state introdotte, nello specifico, nuove richieste hardware legate al reparto dello storage.

Prima le versioni di Windows 10 a 32-bit potevano essere installate esclusivamente con sistemi di almeno 16 GB di spazio di archiviazione.

Mentre le varianti a 64-bit necessitavano di 20 GB di storage.

Con Windows 10 maggio 2019 i requisiti cambiano arrivando a 32 GB per entrambe le versioni, a 32-bit e a 64-bit, del sistema operativo.

Questo aumento considerevole nelle richieste di spazio è legato principalmente al nuovo sistema di aggiornamenti lanciato con la nuova versione.

Ciò serve per garantire l’installazione dei nuovi update, evitando così l’insorgere di problematiche.

Infatti con il nuovo aggiornamento, 7 GB di spazio saranno dedicati esclusivamente al processo di installazione dei vari aggiornamenti.

Se da un lato la nuova funzione eliminerà del tutto gli errori di spazio esaurito durante l’installazione dall’altro ridurrà sensibilmente lo spazio libero sul disco sui sistemi che dispongono di unità di archiviazione con una capacità molto bassa.

I sistemi che non rientrano nei requisiti minimi non riceveranno l’aggiornamento di maggio 2019 di Windows 10 e, di conseguenza, rimarranno con la versione 1809 di Windows.

Ma potranno rimanere con essa fino alla fine del suo supporto ufficiale, che sarà il 12 Maggio 2020 per le SKU Home, Pro, e Pro for Workstations, e l’11 Maggio 2021 per le SKU Enterprise ed Education.

La fine del supporto Long-term a pagamento invece sarà il 9 Gennaio 2024, con gli aggiornamenti di sicurezza fondamentali che arriveranno fino al 9 Gennaio 2029.

Questi nuovi requisiti minimi non verranno applicati su Windows 10 IoT, la versione di quest’ultimo pensata per sistemi embedded e con capacità di archiviazione molto limitata, inoltre non ci saranno modifiche Windows Server.

Altri aggiornamenti li troverete su https://www.tuttotek.it/ il sito dove potreste collaborare ed esporre il vostro lavoro.

E adesso la striscia dello Stefano che vi illustra dei diversi..

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Buona Pasqua.

Cari Linkediniani ringrazio per gli auguri in posta e rispondo a grandangolo con un post ripromettendomi di mailizzarvi uno ad uno..
Donc..
Un motto cita che Natale e’ con i tuoi e Pasqua con chi vuoi e quindi io vi auguro di passarla non con qualcuno ma con qualcosa.. qualcosa che la vita vi ha fatto perdere da qualche tempo o che voi avete dimenticato di proposito da qualche parte o semplicemente che qualcuno vi ha sottratto o portato via di brutto e mi riferisco alla fiducia.. il mio augurio non vuol farvela ritrovare, quella ormai se n’e’ ita, era vecchia, compromessa e corrotta..vi auguro di cuccarne una nuova di zecca a tempo pieno e non part-time, una fiducia senza clausole o post scriptum vari, senza contratti..una fiducia totale in voi stessi che vi porti a pensare che tutto quello che di buono la vita ha da offrire..voi lo potete avere… forza figlioli, armatevi di ottimismo anzi quasi nonimismo e lasciate gli assaggi a quelli che aspettano la domenica per divertirsi e il lunedi’ per lamentarsi e non accontentativi del classico bicchiere sia mezzo vuoto che mezzo pieno.. buttate via sto bicchiere e prendete una caraffa da litro anzi esagero, prendete un pozzo, una diga, un lago un mare un oceano e lavorate sulla vostra convinzione e prendete esempio dal girasole, cercate voi il vostro raggio di luce e solo cosi’ vi verra’ l’assurda sete di vivere e riempirete col vostro entusiasmo qualsiasi cosa che avrete davanti e come premesso ci si sente in mail e quindi..

Non fatevi prendere alla sprovvista e quindi eccovi le date Pasquali Gregoriane calcolate la domenica successiva alla luna piena dopo l’equinozio invernale. 

 chiudo con la striscia dello Stefano e la sua satira dei milanesi su Roma con la erre maiuscola.

 

WhatsApp per IPad in arrivo.

Siamo quasi alla frutta e probabilmente dopo averla testata sulla piattaforma TestFlight (al momento risulta completata ma sara’ ripristinata), potremo usare WhatsApp sugli smartphone, tablet e PC come la concorrenza di Telegram sta facendo da tempo.

L’interfaccia che i programmatori hanno elaborato ha la schermata di avvio simile a quella visualizzata sullo smartphone 

mentre per la chat la schermata e’ a colonne tipo quella che si usa nello WhatsApp Web con la possibilita’ di ruotare per avere una visualizzazione orizzontale.

Se son fiori, fioriranno, se son kaki.. e nel frattempo continuate ad utilizzare WhatsApp sul Web.

Buona domenica delle palme con la striscia di Stefano ambientata sui due Papi.

Strafogamento da pranzo nuziale.

L’unione ufficiale di una coppia riesce sempre a coinvolgermi ed emozionarmi… penso che sia quella stuzzicante curiosita’ solitamente tipica di che non ha mai vissuto le varie fasi tipo corso prematrimoniale-cerimonia-regali-rinfresco-festa.

C’e’ anche qualcosa di ben piu’ profondo, ma nel giorno dell’apoteosi estetica non conta molto.

C’e’ chi si sposa per amore, per interesse, perche’ e’ una bella data, per riparare o addirittura per distruggere.

Il pomeriggio avanza e gli invitati dopo l’ingozzamento delle foto di cui sotto, sazi ed allegri, barcollano.

 Azz..non e’ che hanno sbagliato consegna floreale?

E’ il momento in cui le cravatte si slacciano, le cinture si allentano, i decolletes diventano piu’ generosi e si ride di piu’.

I parenti piu’ anziani ed eccone uno allo specchio, guardano l’ora per andarsene col proposito di minestrina per i prossimi giorni.

Appoggiato ad una colonna del ristorante five star disperdo lo sguardo, sorseggio un bicchiere di gingerino con gin puro che non e’ il massimo considerato che prediligo un bicchierino di grappa rigorosamente resa amara dalla genziana ma contribuisce a mantenere uno stato obliquo ed annebbiato che sara’ oggetto di perdita di punti causa palloncino.

Il convivio evolve in una giovialita’ sopra le righe, il sangue scorre veloce e penso al popolo del Ruanda e alla recente isola dei non famosi dove venti grammi di riso giornaliero era il max dell’introitamento sbafatorio e sinceramente dovrei farlo io per il prossimo mese, per poter rientrare nel peso standard e lascio ste foto per ricordarmi dello strafogamento e a parte tutto, anche se in questi casi e’ vietato

mi son veramente rotto le……

Velocizzate il PC.

Per voi poveri cristi che avete computer datati con poca ram ed avete pure infilato il gratuito windows10 (esiste l’aggiornamento aprile 19) oggi posto un qualcosa che vi velocizzera’ la macchina che sta andando coi freni a disco..piu’ che aggiungere sara’ il caso di togliere qualcosa..

Io non ho problemi di velocita’ in quanto 12 mega di Ram e computer con SSD poco scalfiscono delle aggiunte ma per chi viaggia con 4 o 6 Ram tornera’ comodo quanto sottoindicato.

Andate in start e digitate in “esegui” o da Cortana “Servizi” o “services.msc”… si aprira’ una scheda con tutti i servizi che avete in azione sul pc, 

 

nel mio caso ne avevo 280 di cui 200 attivi..ne ho staccati diversi cercando di capire se ne valesse la pena (facendo ricerche nel web) o meno e ad oggi ne ho lasciati attivi 28 e tutti gira ok, per quanto ne so consiglio di staccarne alcuni lasciando descrizione a cosa servono e quanto incidono sulla velox ad es..

Client DNS (vedi note alla fine per poter manovrare)

Un server DNS e’ responsabile della memorizzazione degli IP con nomi di pagine web.

Cioe’, quando si utilizza Google.com, il DNS converte l’indirizzo IP sul server di Google.

Il client DNS e’ responsabile della memorizzazione questi IP a livello locale cosi’ da risparmiare millisecondi.

Il motivo per cui ritengo necessario disabilitarlo, e’ perche’ il tempo risparmiato e’ zero sega e spesso se la pagina cambia il proprio indirizzo IP, Windows non aggiorna.

E ‘meglio disattivarlo e risparmiare alcuni problemi di memoria su lungo periodo, piuttosto che alcuni millisecondi immediati.

Rilevamento hardware shell

Questo e’ forse il servizio meno utile di Windows… quando si collega l’unita’ USB, questo servizio viene visualizzato nella finestra per dirci cio’ che si vuole fare con il dispositivo. Fin dai tempi di Windows XP, questa funzionalita’ ha portato piu’ casini che benefici.
Infatti molti malware (castigatori) per infettare il computer utilizzano il famoso autorun.inf. 

Ovvio quindi che non vale la pena averlo attivo a meno che non soffriate di masochismo.

Windows Search

Si tratta di un servizio molto utile se il vostro pc ha molti documenti memorizzati in locale.

E’ responsabile dell’indicizzazione dei file in modo che le ricerche sono veloci ed efficienti.

Lo svantaggio e’ che il database e’ pesante e ogni volta che si aggiunge un file viene riscritto per includere documento e quindi e’ una pizza.

Ma, se si ha tutto in un cloud, o semplicemente di questa funzionalita’ non ne hai bisogno, e’ possibile disattivarlo senza problemi.

Ora di Windows

Come suggerisce il nome, questo servizio quello che dovrebbe fare e’ di mantenere il tempo di sistema corrente, ma solo sui computer in rete.

Cioe’, basata su client e server, assegnare l’ora e la data su ogni computer in modo indipendente. 

Per l’utente normale, questo non e’ necessario, non influenza il funzionamento del PC.

Host servizio e sistema di diagnostica

Questi due servizi (ne troverete due istess) vanno di pari passo con l’altro, e sono legati a cosa fare con la la risoluzione dei problemi automatica di Windows. 

Il problema e’ che non esiste una chiara descrizione di cio’ che fanno, tipo quelli per parlamento. 

Ma in ogni caso si tratta di una funzionalita’ impraticabile e inutile, quindi questa coppia di servizi si puo’ disabilitare.

Centro sicurezza PC

Security Center serve per avvisare l’utente quando ci sono problemi in qualche elemento relativo alla sicurezza del sistema. 

Di solito si visualizzano le notifiche del firewall, antivirus, o Windows Update nella barra delle applicazioni. 

E’ molto invadente e fastidioso e serve a un belino, ergo gavate senza pieta’.

Servizi di georilevazione

Considero questo servizio poco utile. 

In teoria dovrebbe aiutare a localizzare i diversi servizi basati su una sorta di protocollo o algoritmo, questo si ripete in continuo e il PC viene monitorato utilizzando solo IP. 

Implica risorse e soprattutto influisce sulla batteria. Quindi..gavare.

Windows Update

Windows update non e’ mai consigliato disattivarlo, in questo modo si interrompe il processo di aggiornamento del sistema.

C’e’ anche da dire pero’ che influisce molto sulle prestazioni del sistema, anche se non si sta aggiornando nulla rimane costantemente in monitoring per la ricerca di aggiornamenti.

Senza dimenticare che se avete messo dei taroccati tipo Office, vi dira’ che siete pirati e.. la verita’ offende.
Allora il consiglio e’ di tenerlo disabilitato e ricordarsi di riabilitarlo periodicamente.

Ovviamente dovrete selezionare di controllare se esistano variazioni senza scaricare automaticamente poi bifferete solo quelli che reputerete utili e via andare a passi lunghi e ben distesi.

Per oggi basta disabilitazioni, tenete nota di cio’ che avete disabilitato e se non troverete miglioramenti di velocita’..nulla vi vieta di riabilitarli..son membri vostri e vi consiglio di mettere una seconda ram, costano zero niente se le prenderete direttamente dalla Cina (dogana permettendo) proprio oggi me ne e’arrivata una pagata 4.5 dollaroni piu’ 6 di spedizione e al mediacoso di TO costava 98 eurini, quasi quasi… commercializzo le memorie alla faccia delle multinazionali (agitprop di Cirie’ evidenzio che e’ solo ipotesi e quindi non statemi col fiato sul collo).
Note per chi trova dei problemi di grigetto..

Per disabilitare il servizio, entrate in Windows come amministratore (altrimenti apparira’ in grigio e non sara’selezionabile), aprite la finestra di esecuzione (Windows+R) e digitate services.msc

Scorrete la lista dei servizi, individuate ad es il primo della lista di cui sopra ovvero Client DNS e selezionatelo con un doppio click del tasto sinistro del mouse; nella finestra a comparsa, selezionate la scheda Generale e in “Tipo di avvio” selezionate Disabilitato

Premete i pulsanti Applica, OK, chiudete la finestra dei servizi ed infine riavviate il computer.

Se per qualche motivo siete ancora riusciti a disabilitare in quanto persistono le voci in grigetto potrete entrare nel registro e prendendo sempre in esame la prima voce del Client DNS potrete procedere in questo modo..


– Aprite il registro di configurazione di Windows (Windows+R, digitate regedit e premete Invio); 

– Entrate in HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\services\Dnscache.. individuate la chiave Start ed impostatela a 4 (impostare il valore 4 significa disabilitare il servizio, il valore predefinito per i servizi in avvio automatico e’ 2; 

– Chiudete il registro e riavviate Windows. 

         Fine dello spiegone velocitatizzatorio.